Condividi con:

Aci Molise e i trend che faranno la differenza a tema mobilità

di Redazione - 17/04/2024

Il tema della mobilità riguarda tutti. Pensare solo e soltanto al futuro non ci da forse l’opportunità di cogliere le possibilità del presente. Premesse interessanti, perché sempre più spesso che quella ricerca affannosa della sostenibilità non va cercata più in là ma semplicemente colta al momento giusto: ora. Ci sono però delle criticità che minano il suo sviluppo attuale.

Una discussione indubbiamente interessante che ha acceso il dibattito all’interno del convegno “La Mobilità del Futuro”, organizzato dall’Automobile Club Molise. Una manifestazione che ha coinvolto i principali attori proprio della mobilità, come istituzioni nazionali e locali, Forze dell’Ordine coordinati dal direttore dell’ACI Molise, Francesco Meleca, e moderati dal direttore responsabile dei magazine di ACI Editore (L’Automobile, L’automobileclassica e Youngclassic) David Giudici.

La tecnologia per una mobilità sicura

“Progresso, sicurezza e infrastrutture sono i tre cardini della mobilità del futurodichiara Riccardo Tesone, presidente dell’Automobile Club Molisee il fatto che il 90% degli incidenti siano ancora imputabili a disattenzione ed errori da parte dei conducenti o degli altri utenti della strada dimostra quanto sia importante l’apporto della tecnologia per una mobilità sicura e sostenibile. Servono però infrastrutture adeguate per sfruttare appieno le potenzialità dei sistemi più avanzati per la sicurezza dei veicoli e delle strade”.

I giovani sono sempre il futuro

“Il futuro è davanti a noiafferma Francesco Roberti, presidente della Regione Molise, indicando la platea di 200 studenti delle scuole intervenuti al teatro Savoia, sede del convegnoperché i giovani sono gli attori principali della mobilità del futuro. Non solo perché rappresentano gli automobilisti di domani, ma perché già oggi si muovono a piedi, in bici, in scooter o monopattino sulle strade e sono chiamati al rispetto delle regole. Quella odierna è una giornata di formazione rivolta all’auto e ai conducenti di domani: la città che tutti vogliamo deve essere sostenibile e a misura d’uomo”.

Collegamenti efficienti, una risorsa essenziale

“Il nostro territorio deve vedersi tutelato il diritto alla mobilità anche nel futuro – sottolinea Michele Marone, assessore alla Viabilità ed Infrastrutture della Regione Molisee per questo servono collegamenti più efficienti e veloci tra le aree interne e le principali infrastrutture del territorio. E’ necessario uno studio sempre più puntuale sui collegamenti tra il nostro capoluogo e la Capitale, su strada come su ferro. Già nel contratto di programma sottoscritto tra MIT, ANAS e Ferrovie dello Stato ci sono importanti risorse per l’ultimazione dell’elettrificazione tra Campobasso fino a Isernia e Venafro, studiando un collegamento con la rete nazionale dell’alta velocità”.

Cambiare si deve e si può

“L’evoluzione della mobilità è già in atto con una transizione energetica e digitaleevidenzia Vito Mauro, membro dell’Osservatorio Tecnico di supporto per le Smart Road del MITdi cui vanno capite appieno opportunità e risorse. Resistere al cambiamento non è mai una strategia premiante: l’auto di domani, anche quella elettrica, non può essere osteggiata nemmeno da chi è più avanti negli anni perché serve curiosità e un pizzico di adattamento. La tecnologia è già oggi in grado di attenuare fortemente la piaga dell’incidentalità stradale che costa ogni anno oltre 3.150 vite umane”.

L’auto resta il centro nevralgico della mobilità

“Nel corso degli ultimi anni, l’auto è cambiata profondamente – dichiara Fabio Orecchini, direttore dell’Executive Master in Sustainable Mobility presso Luiss Business Schooldiventando una componente del più ampio ecosistema energetico digitale: auto elettriche ed ibride sono già tra noi e dobbiamo prendere confidenza non solo con queste alimentazioni, ma anche con le nuove forme di mobilità integrata che caratterizzano i nostri spostamenti”.

Neutralità tecnologica

“Nell’attuale momento di transizione, l’automobilista compra e continuerà a comprare quello di cui necessitaafferma Massimo Artusi presidente di Federautoquindi sul mercato deve poter contare su un pluralismo di tecnologie in grado di soddisfare il proprio fabbisogno di mobilità: non c’è un’;unica soluzione tout court per tutti, ma più prodotti in grado di rispondere al meglio alle esigenze del sistema di mobilità”.

Potrebbe interessarti

Motori a combustione interna a idrogeno: il futuro dell'auto?

Motori a combustione interna a idrogeno: altro futuro per l’auto?

Certamente una strada alternativa nel campo della sostenibilità. Una tecnologia per dare nuovo lustro a cilindri e pistoni

di Redazione - 23/07/2024

La batteria di Svolt che si ricarica in 5 minuti

Tre nuove batterie sviluppate da Svolt per ridurre i tempi di ricarica e per aumentare l'autonomia elettrica di una plug-in fino a 300 km

di Marco Triulzi - 16/07/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram