Condividi con:

Volkswagen ID.Buzz GTX, il Bulli sportivo

di Redazione - 05/07/2024

Testo di Paolo Odinzoff

Un “Bulli” da corsa? Negli anni 70, sarebbe stato impensabile. Chi avrebbe immaginato che il celebre pulmino della Volkswagen potesse un giorno offrire prestazioni quasi da pista? Eppure, è successo. L’ID.Buzz, l’erede moderno e completamente elettrico del veicolo amato dagli hippy e dai surfisti californiani, lanciato dalla Casa di Wolfsburg circa due anni fa, tra breve sarà disponibile nella versione sportiva GTX. Lo abbiamo testato in anteprima sulle strade tedesche di Hannover.

 ID.Buzz GTX esterni, si fa subito riconoscere per alcuni dettagli sulla carrozzeria

L’inedita variante super grintosa GTX è offerta con un listino ancora da definire nei tagli di carrozzeria standard (4,71 metri di lunghezza) e a passo lungo (4,96 metri). Il design non cambia rispetto alla versione tradizionale se non per alcuni dettagli sulla carrozzeria che lo rendono subito riconoscibile. Ad esempio l’esclusiva colorazione rosso ciliegia, disponibile bicolore con parti in Mono Silver metallizzato, e la griglia frontale nera a nido d’ape incorniciata da fari LED Matrix. Oppure le luci diurne a freccia e diversi elementi aerodinamici che regalano al suo vestito un Cx da record per la categoria di 0,29.

ID.Buzz GTX interni, un salotto per sette persone dove si dialoga con l’intelligenza artificiale

All’interno l’ID.Buzz GTX non presenta sostanziali modifiche rispetto alle altre versioni della gamma. Fanno eccezione alcune dotazioni dedicate come i sedili avvolgenti in micropile ArtVelours Eco con motivo a rombi e cuciture rosse a contrasto. L’abitacolo, estremamente versatile, può impiegare a richiesta il più grande tetto in vetro mai utilizzato su un veicolo della Volkswagen (1,5 m²).  Quest’ultimo è dotato del sistema Smart Glass per renderlo trasparente o opaco sfiorando un tasto. A seconda degli allestimenti ci sono 5, 6 o 7 posti e il vano di carico è espandibile nella capacità fino a 2.469 litri (versione LWB). Tra gli equipaggiamenti, spicca un sistema infotainment di ultima generazione con display touch da 12,9 pollici. Un sistema completo dell’assistente vocale con intelligenza artificiale ChatGPT che offre un’esperienza di bordo avanzata.  Poi c’è la funzione Wellness con programmi predefiniti per il benessere di guidatore e passeggeri, contando anche su un sistema di illuminazione ambientale computerizzata con diverse tonalità.

ID.Buzz GTX motore, un cuore elettrico da 340 CV

La vera differenza dell’ID.Buzz GTX risiede nella meccanica. Il veicolo è spinto da un powertrain a trazione integrale composto da due unità elettriche, una su ogni asse, che sviluppano complessivamente 340 CV (250 kW). Questo permette di accelerare da 0 a 100 km/h in 6,1 secondi e di raggiungere una velocità massima autolimitata di 160 km/h. Il comfort di marcia e il comportamento stradale sono ai massimi livelli. L’ID BUZZ GTX può contare su numerosi sistemi di assistenza alla guida, un’architettura del pianale con assale MacPherson, sospensioni multi-link e ruote di grandi dimensioni con cerchi da 20 o 21 pollici.

Viaggia senza fermarsi fino a 487 km

La versione standard dell’ID.Buzz GTX è dotata di una batteria da 79 kWh che garantisce 461 km di autonomia, mentre il modello a passo lungo LWB utilizza una batteria da 86 kWh per una percorrenza massima di 487 km. La ricarica può essere effettuata con delle colonnine a corrente continua fino a 176 e 200 kW, permettendo di passare dal 10 all’80% in meno di 30 minuti, giusto il tempo di un caffè prima di partire per una vacanza, godendo della stessa sensazione di libertà del Bulli originale, ma sentendo al volante il piacere di una guida pronta e scattante senza inquinare. Un aspetto non da poco.

Potrebbe interessarti

Hyundai Santa Fe, avventura nello spazio

Hyundai Santa Fe, avventura nello spazio

Prima presa di contatto con il maxi Suv della casa coreana. Niente diesel, ma una volumetria interna interessante. Prezzi da 49.600 euro

di Redazione - 18/07/2024

Innocenti Mini Cooper 1300 Export, la prova al passato

Innocenti Mini Cooper 1300 Export, la prova al passato

Prodotta dal 1973 al 1975, venne venduta anche all’estero (per questo si chiamava Export). È la più riuscita della serie, l’ultima versione tradotta in italiano

di Redazione - 14/07/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram