Condividi con:

Palm Beach Cavallino Classic: conclusa con successo l’edizione 33

di Redazione - 04/02/2024

Testo di Marco Triulzi

Nella serata del 27 gennaio, si è conclusa con successo la 33ª edizione del Palm Beach Cavallino Classic. Un prestigioso concorso d’eleganza che si conferma come un classico nel suo genere, con l’eccezionale esposizione di oltre 150 auto provenienti da Maranello. Luigi Orlandini, Chairman & CEO di Cavallino, ha espresso la sua soddisfazione affermando: “Siamo onorati di continuare il percorso di 46 anni della rivista Cavallino e la tradizione di 33 anni del Concorso d’Eleganza Palm Beach Cavallino Classic. Queste iniziative hanno giocato un ruolo significativo nel preservare e ripristinare le Ferrari di tutte le epoche in America.”

Le Ferrari Classiche da “libro rosso”

Oltre ai premi tradizionali come il Best of Show Granturismo e il Best of Show Competizione, negli ultimi due anni, al Palm Beach Cavallino Classic, è stata introdotta una terza categoria di premio dedicata ai veicoli certificati da Ferrari Classiche con il “libro rosso”. Obbiettivo di questa nuova categoria è quello di salvaguardare il patrimonio della Casa di Maranello.

I 55 giudici presenti hanno selezionato le vincitrici attraverso il rigoroso sistema IAC/PFA, messo a punto da un’organizzazione con sede USA formata da esperti e ricercatori del mondo Ferrari, che si impegna nel mantenimento degli standard di autenticità delle vetture del Cavallino Rampante.

A chi sono andati gli ambiti premi “Best in Show”

Il Best of Show Granturismo 2024 è stato assegnato alla Ferrari 212 Inter Ghia, numero di telaio #0191EL, del 1952 di Dennis e Susan Garrity. Questa Ferrari 212 Inter Ghia è una vettura particolarmente rara e preziosa. Ne sono state prodotte solamente 73 esemplari dalla storica carrozzeria Ghia a partire dal 1952. Una di queste auto è appartenuta al generale Juan Perón, presidente dell’Argentina dal 1946 al 1955.

Il Best of Show Competizione 2024 è stato assegnato alla Ferrari 250 LM, numero di telaio #6053, del 1964 di Chris e Ann Cox. L’acronimo LM si riferisce a Le Mans, la celebre gara di durata francese per la quale questa vettura era stata inizialmente progettata. Tuttavia, con soli 33 esemplari prodotti, la FIA la classificò come un Prototipo, escludendola dalla partecipazione nella categoria delle Gran Turismo, dove avrebbe dovuto originariamente competere.

La migliore fra quelle certificate

Il Best of Show 2024 Classiche Certificate è andato alla Ferrari 275 GTB “Competizione” di Brian Ross del 1966, con il numero di telaio #09063. Questa rarissima e splendida 275 GTB “Competizione” è un conservato eccezionale e si è meritata per questo la certificazione d’autenticità Ferrari Classiche “libro rosso”. Un modello che rappresenta la versione da competizione della celebre berlinetta 275 GTB, introdotta sul mercato nel 1964. Mentre il suo cuore pulsante è l’iconico motore V12 da 3285 cm3, firmato da Gioachino Colombo, il padre del dodici cilindri Ferrari.

Al Palm Beach Cavallino Classic 2024, non sono state premiate solo le “Best in Show”. Su 150 auto partecipanti, ben 61 hanno ottenuto il Platinum Award, con un punteggio di almeno 82 su 100. Un dato che evidenzia ulteriormente l’eccellenza qualitativa raggiunta dalle vetture in esposizione.

Potrebbe interessarti

L’automobileclassica proietta Quelli del 38 al Museo dell’Automobile di Torino

C'erano proprio tutti al Mauto di Torino per la proiezione del primo docufilm de l'automobileclassica dal titolo Quelli del 38: ospiti studenti e celebrità sono rimasti incantati ad ascoltare i...

di Paolo Matteo Cozzi - 28/02/2024

Il programma di ACI Storico ad Automotoretrò Parma

Incontri, approfondimenti, talk con esperti del settore in programma il 2 e il 3 marzo

di Redazione - 28/02/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.