Condividi con:

Jaguar D-Type. L’efficacia della bellezza

di Stefano Beloni - 28/01/2024

Il successo delle vetture di William Lyons, una sorta di Enzo Ferrari all’inglese che aveva “assaggiato” il mondo delle auto ad alte prestazioni nell’anteguerra ma creato la “sua” Jaguar solo dopo il conflitto, è stato frutto della sua profonda competenza meccanica e della sua capacità nella visione del design della carrozzeria. Due vittorie alla 24 Ore di Le Mans con la C-Type nel 1953 e 1955, ottima nella meccanica ma convenzionale nel telaio e nello stile, lo spinse a “inventare” la cosiddetta, auto da corsa all’inglese. In altre parole, a cercare il meglio in ogni parte della vettura in modo da compensare possibili debolezze con la qualità dell’insieme. E le debolezze della C-Type erano nel telaio e nell’aerodinamica.

Realizzò, coi suoi tecnici e col supporto del collaudatore e pilota Norman Dewis, un telaio formato da una parte centrale di tipo monoscocca cui si fissavano longheroni che portavano motore e  sospensioni anteriori. Questo chassis “misto” molto innovativo per l’epoca, aveva anche il vantaggio di favorire una forma della carrozzeria dall’alto valore di penetrazione. Nacque così la Jaguar D-Type che aveva come primo obiettivo il successo a Le Mans.

La macchina, dotata di freni a disco, novità introdotta da Jaguar già sul modello C-Type, apparve subito magnifica quando fu schierata a Le Mans nel 1954: la carrozzeria perfettamente modellata e fluida col caratteristico poggiatesta dotato di un’enorme “pinna”, mostrò il suo contributo alla velocità massima sul rettilineo dell’Hunaudières, portando la D-Type al secondo posto assoluto al debutto. Questa prima esperienza, indicò le modifiche necessarie per la versione che tutti chiamano “long nose” perchè allungata e ulteriormente affusolata. Le premesse ebbero immediata conferma col successo per tre anni consecutivi alla 24 ore francese: 1955, ’56 e ’57.

La D-Type è stata prodotta “in serie” pronto corsa su una specifica linea di montaggio e numerosissimi team privati europei e americani l’hanno usata vincendo. Ne furono prodotte la bellezza di 71 (cinque delle quali bruciate nel tremendo incendio che devastò la fabbrica nel 1957). Oggi, nella configurazione ufficiale di colore verde inglese o blu Scozia con strisce bianche dell’Ecurie Ecosse, vincitrici a Le Mans nel 1956 e ’57, sono vetture ambitissime nelle grandi collezioni mondiali.

Potrebbe interessarti

Il WRC dice addio all’ibrido

Tanti cavalli per gli appassionati, ma costi elevatissimi per i costruttori, così la FIA ha scelto il buon senso facendo un passo indietro

di Redazione - 01/03/2024

L’automobileclassica proietta Quelli del 38 al Museo dell’Automobile di Torino

C'erano proprio tutti al Mauto di Torino per la proiezione del primo docufilm de l'automobileclassica dal titolo Quelli del 38: ospiti studenti e celebrità sono rimasti incantati ad ascoltare i...

di Paolo Matteo Cozzi - 28/02/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.