Condividi con:

Toyota Corolla Cross: ecco le rivali

di Redazione - 30/05/2023

L’arrivo Corolla Cross permette a Toyota di arricchire la sua gamma suv, già tra le più ampie del mercato europeo. Alcune informazioni di contesto: con 4,46 metri di lunghezza, il nuovo crossover si posiziona a metà strada fra C-HR e RAV4, nel pieno del segmento C-suv, il più apprezzato in Europa (da solo assorbe oltre il 42% delle vendite).

La Corolla Cross (prezzi da 34.500 euro) è anche il modello scelto per portare al debutto l’unità di potenza full hybrid di quinta generazione, costituita da un 2.0 da 197 cavalli, ottimizzato per essere ancora più efficiente promettendo anche maggiore piacere di guida. Ma nel suo segmento non è la sola ibrida presente, quindi scopriamo quali sono le principali rivali della Corolla Cross.

 

Hyundai Tucson e Kia Sportage

Sono entrambi coreani ed entrambi costruiti sulla piattaforma N3. Condividono anche la stessa unità di potenza ibrida, composta da un 4 cilindri 1,6 litri turbo da 230 cavalli e 350 newtonmetri di coppia. Il propulsore è abbinato alla trasmissione automatica a 6 rapporti, e può essere scelto per entrambi i modelli sia a trazione anteriore che con sistema di trazione integrale meccanico.

Le dimensioni sono simili: 4,5 metri di lunghezza per la Tucson e 4,51 metri per la Sportage, dotate rispettivamente di un bagagliaio da 598 e 591 litri di volume utile. I prezzi partono da 37.000 euro per la Kia Sportage 1.6 TGDI HEV e da 34.550 euro per Hyundai Tucson 1.6 HEV.

 

Renault Austral

Renault Austral è uno dei modelli dal più elevato contenuto tecnologico oggi disponibile nella gamma del costruttore francese. Una crossover più tecnologica, moderna e spaziosa della precedente. La vettura è lunga 4,51 metri, nasce sulla rinnovata piattaforma CMF-C/D e adotta vari tipi di powertrain, tutti elettrificati. Tra questi ci sono anche due motorizzazioni full hybrid “E-Tech”, una da 160 e una da 200 cavalli.

Entrambe sfruttano l’innovativo schema ibrido sviluppato da Renault, che ha debuttato con la Clio E-Tech. Sull’Austral, debutta il nuovo propulsore endotermico: 1.2 tre cilindri turbo-benzina, abbinato a due unità elettriche e al particolare cambio automatico multi-mode brevettato dalla Casa francese. La trazione è solo anteriore, ma volendo si può optare per le 4 ruote sterzanti (una raffinatezza che solo Renault offre nel segmento C). Il bagagliaio offre fino a 555 litri di capienza, mentre i prezzi della Renault Austral E-Tech partono da 39.500 euro.

 

Nissan Qashqai

Trattandosi anch’esso di un progetto dell’Alleanza, anche la nuova Nissan Qashqai è costruita sulla piattaforma CMF-C/D. L’unità di potenza full hybrid della versione e-Power è però qualcosa di completamente diverso non solo da Renault, ma anche da tutti gli altri concorrenti. Si tratta di un sistema ibrido in serie puro: il motore termico non è collegato in alcun modo alle ruote, che sono mosse esclusivamente da un’unità elettrica.

Il propulsore a benzina, nel caso della Qashqai un quattro cilindri 1,5 litri da 158 cavalli con rapporto di compressione variabile, di fatto è un “motogeneratore” che serve solo a produrre energia elettrica con cui ricaricare la batteria. La potenza di sistema è di 190 cavalli, mentre la coppia è di 330 newtonmetri, con un’erogazione simile a quella di un’auto elettrica. La Nissan Qashqai e-Power, disponibile con la sola trazione anteriore, parte da 36.270 euro.

Potrebbe interessarti

Tesla, risolta la quadra delle batterie 4680

Tesla, risolta la quadra delle batterie 4680

Quelle il cui processo di produzione degli elettrodi a secco consentirebbe un'enorme riduzione dei costi durante la realizzazione di celle agli ioni di litio

di Redazione - 19/07/2024

Sul nuovo Codice della Strada pendono anche 65 emendamenti della maggioranza

Sul nuovo Codice della Strada c’è il blocco al Senato

Dei 449 emendamenti presentati dai vari partiti, 65 sono firmati da esponenti degli altri partiti di maggioranza

di Redazione - 19/07/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram