Condividi con:

Tavares: produzione e posti di lavoro a rischio in Italia

di Paolo Matteo Cozzi - 02/02/2024

Posti di lavoro e stabilimenti Stellantis a rischio in Italia. A dirlo è l’ad Carlos Tavares durante un’intervista rilasciata recentemente all’agenzia Bloomerg in cui ha affermato che senza soldi pubblici Mirafiori e Pomigliano sono “a rischio”. Soldi, servono soldi; e l’ad Tavares li vorrebbe dal governo italiano tramite gli incentivi: “se non si danno sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, si mettono a rischio le fabbriche italiane”. Incentivi, come quelli appena sbloccati per quasi 1 miliardo di euro (lo leggi qui) dal ministero delle Imprese e del Made in Italy. Tant’è che proprio il ministro Urso non fa attendere la replica del Mimit: “Se Tavares ritiene che l’Italia debba fare come la Francia, che ha aumentato la sua partecipazione attiva in Stellantis, ce lo chiedano. Se il problema è ‘fate come la Francia’, qual è la terza richiesta che ci farete? La differenza tra noi e la Francia è che loro sono nel capitale azionario e noi no. Fateci una richiesta”.

Il portoghese da 64 mila euro di stipendio al giorno (lo leggi qui), Tavares è nato a Lisbona, non placa la polemica innescata dai timori del governo italiano di un ulteriore, progressivo, disimpegno dell’azienda automobilistica dal Paese, dettato dalla riduzione della produzione negli stabilimenti italiani e dallo spostamento di alcune fabbriche all’estero. Siamo un mercato automobilistico “piccolo” secondo l’analisi dell’ad e in effetti, anche se il 2023 si è chiuso per Stellantis in Italia con un +9,6% rispetto al 2022 (751.384 veicoli assemblati, di cui 521.104 autovetture e 230.280 veicoli commerciali), siamo ancora lontani dal milione raggiunto l’ultima volta nel 2017, quando alla guida c’era Sergio Marchionne.

Inoltre in questi anni sono diminuiti anche i dipendenti passati dai 51.300 del 2021, anno della fusione Fiat-Chrysler Gruppo Psa, agli odierni 42.700, e non vengono fatte assunzioni in sostituzione dei dipendenti che vanno in pensione. Al contrario, vengono incentivati le fuoriuscite volontarie con generosi contributi economici e, a ottobre, era stato persino messo in vendita lo stabilimento di Grugliasco che ospitava parte della linea di produzione Maserati e doveva diventare il polo d’eccellenza del Made in Italy (lo leggi qui).

Potrebbe interessarti

La Jaguar C-X75 torna a nuova vita

Da antagonista di James Bond a sportiva stradale il passo è stato più lungo del previsto. Ma ci ha pensato Ian Callum, il suo designer

di Redazione - 01/03/2024

Happy birthday Youngclassic!

Happy birthday Youngclassic: il primo compleanno lo facciamo noi, il protagonista puoi essere tu. Scopri come!

di Redazione - 01/03/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Istagram