Condividi con:

Nuova MINI Countryman, elettrica, maxi, sempre più formato famiglia

di Redazione - 28/03/2024

In collaborazione con MINI

Completamente riprogettata e ridisegnata, la nuova MINI Countryman è cool come sempre, ma più funzionale che mai. Supera di slancio i confini urbani e, con la sua trazione integrale, punta dritta all’avventura. Che si tratti di una MINI appare chiaro fin dal primo sguardo, nonostante i proiettori anteriori non più circolari come un tempo. E si intuisce immediatamente anche di avere davanti una Countryman: questione di proporzioni della carrozzeria e di andamento del tetto. Come sempre, infatti, dentro ci sta un’intera famiglia, con tutto ciò che mamma, papà e uno o più figli si portano dietro: insomma, è sempre più maxi.

Quindi, fuori è sempre una MINI, ma tutta nuova e con lo stile, ora, più contemporaneo che mai. Poi, per la prima volta è pure completamente elettrica, ha un’autonomia fino a 433 chilometri, così l’impatto sull’ambiente per ogni viaggio è pari a zero e, se ti viene voglia di continuare a guidarla ancora, ancora e ancora, non ti puoi proprio sentire in colpa.

Let’s go green

Già, la tematica ecologica. Lo sappiamo, l’elettrico è ormai sempre più al centro della mobilità, e per noi coniugare la quotidianità cui siamo abituati con le nuove logiche green non sempre è facile. Certo, se l’esigenza è quella, MINI Countryman si può ancora scegliere nelle varianti tradizionali, diesel e benzina, da 1,5 a 2 litri con potenze che spaziano dai 163 cavalli ai 300 cv della sportiva JCW All4 con motore turbo a 4 cilindri.

Ma se si vuole fare un salto nel futuro l’alimentazione pura elettrica, oltre alla buona autonomia che arriva a superare i 400 chilometri e alla batteria che con la ricarica rapida passa dal 10 all’80% in 30 minuti, può essere una soluzione efficace, efficiente, accessibile. D’altronde nuova MINI Countryman sposa la circolarità, come dimostra l’aumento della quota di materiali riciclati utilizzati e la crescita della quota di riciclabilità e seconda vita delle batterie.

Tutti dicono che l’elettrico è (più) caro, è così?

Difficile affermare il contrario, ma è soprattutto una questione di prospettiva: ciò che chiede in più il listino, tendenzialmente lo si recupera con il mantenimento. E poi più si sale di livello, più la differenza tra le varianti benzina e diesel rispetto all’elettrica si assottiglia.

Nuova MINI Countryman, infatti, fissa lo scostamento di prezzo fra tecnologie nell’ordine dei 5800 euro tra elettrica e benzina, e 2800 con la diesel. Senza contare gli incentivi e i vantaggi a cui le elettriche danno accesso, che certo variano da un comune all’altro, ma possono comprendere ingressi gratuiti e illimitati nelle aree a traffico limitato, parcheggi gratuiti, libertà da eventuali meccanismi di restrizione del traffico.

Lo spazio? Mai stato MINI

Se poi parlando di MINI pensi ancora alla vetturetta dalle dimensioni compatte cui eravamo abituati una vita fa, sei proprio antico. Il paradigma è completamente cambiato già con la prima MINI targata BMW (2001), specialmente con l’introduzione della Countryman (2010), nata appositamente per accompagnare la crescita dei clienti acquisiti con la hatchback che, magari nel frattempo avevano messo su famiglia.

E’ così ancora oggi che, giunto alla terza generazione, questo coniuga in meno di 4,5 metri di lunghezza (443 cm), 1,84 di larghezza e 1,66 mm di altezza, una capacità di carico compresa tra 460 e 1.450 litri. Niente male. Inoltre, la configurazione dello spazio è modulare, a seconda delle esigenze: basta far scorrere i sedili posteriori di 13 cm in lunghezza per gestirlo come meglio si crede, “sbilanciandolo” a favore del carico o dei passeggeri.

Digitale e sicura

La sicurezza è una priorità per tutti, e qui i sistemi più diffusi – frenata automatica d’emergenza con riconoscimento pedoni e ciclisti, rilevamento stanchezza, lettura segnaletica stradale, – salgono a bordo per semplificarci la vita e rendere nuova Mini Countryman sempre più sicura. La variante elettrica SE All4 può essere dotata di Driving Assistant Professional, un sistema che consente la guida parzialmente automatizzata (livello 2) su percorsi di tipo autostradale, il che permette al guidatore di staccare le mani dal volante fino a una velocità di 60 km/h, purché continui a seguire da vicino il traffico e sia pronto a intervenire in qualsiasi momento.

Guidare è un gioco da ragazzi quando si ha a disposizione un compagno digitale e l’accesso a una serie di funzioni di connettività intelligente di serie, per esempio per la prima volta c’è l’assistente vocale completo: si chiama MINI Intelligent Personal Assistant e può essere attivato con un semplice “Hey MINI”, o premendo l’apposito tasto sul volante, dando vita a un’interazione sul nuovissimo display circolare oled che assume la forma di un’animazione con elementi grafici, tipografici e un avatar. Di più? Certo: con l’app MINI sei sempre connesso alla tua nuova MINI Countryman e puoi persino aggiornarla dopo l’acquisto.

Potrebbe interessarti

Pneumatici usurati? Ecco il nuovo Regolamento Europeo R117-04

Pneumatici usurati? Ecco il nuovo Regolamento Europeo R117-04

Chi lo dice che le gomme consumate non siano performanti. Un nuovo regolamento potrebbe far risparmiare soldi ed emissioni

di Redazione - 17/07/2024

La nuova Opel Grandland in vendita a dicembre

La nuova Opel Grandland in vendita a dicembre

Prime consegne a partire dalla fine dell’anno. Al top di gamma la full electric con 700 km di autonomia. Il listino non è ancora stato formalizzato

di Redazione - 17/07/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram