Condividi con:

Mona, il “curioso” nome della nuova Xpeng

di Redazione - 10/07/2024

Mona, il “curioso” nome della nuova Xpeng

Testo di Mattia Eccheli

I nomi sono importanti. Le case automobilistiche li sottopongono a numerose verifiche e non solo per questioni di diritti. Possono influire sui destini di alcuni modelli, se non addirittura deciderli. Con la sua Lacetti, ad esempio, la Daewoo non aveva avuto grande fortuna. Né l’aveva avuta la Mitsubishi con la sua Pistachio.

La stessa Stellantis, per evitare un contenzioso con il governo italiano, ha modificato il nome dell’ultima Alfa Romeo ancora prima di farla arrivare sul mercato, da Milano a Junior. L’Ovale Blu sta per rilanciare la Capri (e il Made in Italy?) e quasi certamente oggi la Ford non ribattezzerebbe Escort uno dei suoi modelli più popolari.

Una berlina elettrica da 4,78 metri di lunghezza

Il costruttore cinese Xpeng potrebbe trovarsi di fronte allo stesso dilemma se e quando dovesse decidere di proporre in Europa, in particolare in Italia, la sua nuova berlinona elettrica da 4,78 metri di lunghezza della quale sono state da poco diffuse le prime foto. Il suo nome è alfa numerico: M03 Mona.

Nella parte settentrionale del paese, soprattutto nel nord-est, con un particolare riferimento al Veneto, battezzata in questo modo la macchina potrebbe suscitare qualche perplessità. Di sicuro non avrebbe problemi con l’apposito ministero della Repubblica, ma non è detto che la denominazione venga apprezzata da tutti. E pensare che erano circolate perfino indiscrezioni circa la possibilità che Mona diventasse addirittura un marchio autonomo, come Genesis per la Hyundai o Onvo per la Nio, solo per fare qualche esempio.

Mona, Acronimo di “Made Of New AI”

Il logo piazzato centralmente all’anteriore rivela che alla fine il costruttore ha optato “solo” per una specifica variante con questo nome. Molto più semplicemente Mona, però, non è altro che l’acronimo di “Made Of New AI”. Forse già la “i” finale, almeno in Italia, ne cambierebbe la possibile accoglienza. La limousine cinese a zero emissioni, le cui batterie sono fornite dalla BYD, è ipotizzata con un’autonomia superiore ai 500 chilometri e, in Cina, ha un costo di circa 200.000 Yuan, l’equivalente di meno di 26.000 euro.

Prodotta nella fabbrica di Zhaoqing, a Guangdong, la vettura sarà disponibile in tre tinte. Sviluppata sull’architettura Fuyao, dispone tra le altre cose dell’XNGP, acronimo di Xpeng Navigation Guided Pilot. La M03 Mona è frutto della cooperazione con la divisione veicoli elettrici intelligenti della società di ride handling Didi, acquisita poco meno di un anno fa dalla Xpeng, che ha ufficializzato il debutto italiano con l’autunno.

 

Potrebbe interessarti

Tesla, risolta la quadra delle batterie 4680

Tesla, risolta la quadra delle batterie 4680

Quelle il cui processo di produzione degli elettrodi a secco consentirebbe un'enorme riduzione dei costi durante la realizzazione di celle agli ioni di litio

di Redazione - 19/07/2024

Sul nuovo Codice della Strada pendono anche 65 emendamenti della maggioranza

Sul nuovo Codice della Strada c’è il blocco al Senato

Dei 449 emendamenti presentati dai vari partiti, 65 sono firmati da esponenti degli altri partiti di maggioranza

di Redazione - 19/07/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram