Condividi con:

Lotta alla criminalità in autostrada

di Redazione - 13/05/2024

Testo di Mattia Eccheli

Autunno caldo lungo i 314 chilometri dell’Autostrada del Brennero. Soprattutto per chi traffica in sostanze illecite. Grazie a un progetto congiunto fra la stessa A22, la Guardia di Finanza e il Centro di Scienze della sicurezza e della criminalità delle Università di Trento e Verona dopo l’estate verranno adottate tre nuove apparecchiature che dovrebbero permettere al personale della Fiamme Gialle di individuare più facilmente sostanze proibite o trasportate illegalmente.

L’ungo l’A22 transita oltre il 10% dell’export nazionale

Il valico del Brennero è strategico dal punto di vista logistico e commerciale e non solo perché l’autostrada che porta il suo nome attraversa quattro regioni: Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia e Emilia Romagna. Ma soprattutto perché è il più agevole sull’asse nord sud: malgrado rappresenti appena il 5% della rete autostradale italiana, lungo l’A22 transitano annualmente 70 milioni di veicoli e il 10,5% dell’intero import export nazionale.

Per questa ragione è una rotta importante anche per le organizzazioni criminali che la scelgono per i traffici di esseri umani, di carburanti e olii minerali di contrabbando e prodotti contraffatti come le sigarette.

Di Nicola: “Contributo all’innalzamento dei livelli di sicurezza”

“Costruire nuovi strumenti che possano supportare le attività investigative sui traffici illeciti lungo l’Autostrada del Brennero A22 – ha sintetizzato Andrea Di Nicola, professore di Criminologia alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento – va nella direzione di dare un contributo, speriamo sostanziale, all’innalzamento dei livelli di sicurezza di questo tratto autostradale fondamentale, certamente per il nostro territorio ma anche per l’intera nazione”. I prototipi di scanner radio compatto (uno) e spettrofotometro (due) verranno ulteriormente sperimentati in questi mesi prima di venire ufficialmente adottati in autunno tra il confine e Modena.

Controlli più rapidi e affidabili grazie anche all’intelligenza artificiale

I dispositivi, tutti utilizzabili all’aperto come al chiuso, sono stati sviluppati grazie all’impiego di tecnologie avanzate. Lo scanner radio compatto (pronto con novembre) è in grado di individuare “carichi sospetti ed eventuali doppi fondi”: “Ideale per agevolare l’attività di controllo delle Forze dell’Ordine perché permette l’ispezione rapida dei veicoli stradali”, fanno sapere dall’A22 l’amministratore delegato Diego Cattoni e il direttore tecnico Carlo Costa.

Gli spettrofotometri sono invece strumenti scientifici impiegati per misurare l’assorbimento di luce di una soluzione chimica o di un materiale a diverse lunghezze d’onda. La loro adozione (da settembre) e il supporto di algoritmi di intelligenza artificiale consente analisi rapide di carburanti e olii minerali di contrabbando sui mezzi in transito.

 

Potrebbe interessarti

Incentivi ecobonus 2024, tocca a GPL e metano

Incentivi ecobonus 2024, tocca a GPL e metano

Dal 19 giugno si aprono ufficialmente i finanziamenti per trasformare la propria vettura a benzina in bifuel a gpl o a metano. Gli incentivi disponibili non tengono conto dell'Isee

di Redazione - 18/06/2024

Nuova Audi e-tron GT

L'Audi e-tron GT si aggiorna portando in dote una nuova batteria più capiente e una versione top di gamma, la RS Performance

di Marco Triulzi - 18/06/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram