Condividi con:

La Luxeed S7 mette sul piatto 855 km di autonomia

di Redazione - 29/11/2023

Sempre più spesso ad alimentare le cronache automotive sono vetture di provenienza cinese. Della Luxeed S7 avevamo già fatto cenno in precedenza, soprattutto perché a metterci lo zampino è uno dei colossi dell’hi-tech come Huawei. Azienda che da tempo ha messo il piede nel settore auto, sviluppando non solo sistemi multimediali, ma anche tutto quello che concerne l’assistenza alla guida.

La S7 è stata ufficialmente presentata in Cina e sebbene non vi sia alcuna certezza che possa essere venduta anche nel nostro continente, presenta indubbiamente uno stile che potrebbe piacere, fornendo sulla carta prestazioni davvero interessanti. Soprattutto perché si pone come diretta rivale di Tesla Model S. Quindi la performance non è solo una questione di 0-100 km/h, ma soprattutto di autonomia.

Soluzioni efficienti

Prima di snocciolare qualche informazione tecnica, è giusto inquadrare meglio questa aitante berlina elettrica. La Luxeed S7 presenta una lunghezza di 4.971 millimetri, una larghezza di 1.963 millimetri e 1.474 millimetri di altezza. Il passo sfiora i 3 metri con una quota di 2.950 millimetri. Mentre il coefficiente di resistenza la qualifica come una vera sportiva, essendo solo di 0,20 (meno di una Tesla Model S).

Fatta questa doverosa premessa, entriamo a gamba tesa sul comparto batterie, quello che dovrebbe rendere la S7 una delle primatiste di segmento. A seconda della versione e dell’allestimento la berlina di Huawei potrà essere equipaggiata con un accumulatore da 62, 82 o 100 kWh. Quest’ultimo è del tipo M3P, ovvero l’ultimo ritrovato della scienza e della tecnica in casa CATL. Dovrebbe assicurare, stando allo standard di omologazione cinese – sempre molto lasco nei risultati – 855 km di autonomia. La batteria dovrebbe poi guadagnare 215 chilometri in cinque minuti di carica (manca il dato sulla massima potenza assorbita in corrente continua).

Per quanto concerne le performance pure, il modello più prestante, provvisto di una coppia di motori elettrici per una potenza complessiva di poco inferiore ai 500 cv (496 per l’esattezza) passa da 0 a 100 km/h) in 3,3 secondi.

Massima autonoma di guida

La Luxeed S7 ricordiamo essere stata realizzata in collaborazione con il colosso cinese Chery Automotive, che di fatto ha fornito la base di partenza, la piattaforma E0X. E che si occuperà anche della produzione in serie, prevista per la fine dell’anno.

Dicevamo all’inizio che l’apporto di Huawei ha toccato soprattutto le corde del comparto multimediale e di quello relativo ai sistemi di assistenza alla guida. La vetture è equipaggiata con il software HarmonyOS 4, che supporta i videogiochi grazie al chip 8295 di Qualcomm.

C’è poi pure software di guida Navigation Cruise Assist (NCA) che replica quanto avviene su Tesla con quello FSD. In alcune città cinesi sarà operativo il valet parking. Si potrà quindi scendere dall’auto, così che la S7 si possa parcheggiare da sola. Questo grazie alla disponibilità di un comparto hardware formato da una varietà di sensori, incluso un sensore LiDAR, con radar a onde da tre millimetri, 12 radar a ultrasuoni e 11 telecamere ad alta definizione. Sul mercato cinese la vettura avrà un prezzo di poco superiore ai 30mila euro.

Potrebbe interessarti

La Jaguar C-X75 torna a nuova vita

Da antagonista di James Bond a sportiva stradale il passo è stato più lungo del previsto. Ma ci ha pensato Ian Callum, il suo designer

di Redazione - 01/03/2024

Happy birthday Youngclassic!

Happy birthday Youngclassic: il primo compleanno lo facciamo noi, il protagonista puoi essere tu. Scopri come!

di Redazione - 01/03/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Istagram