Condividi con:

Jeep Avenger 4xe, la 4×4 elettrificata

di Redazione - 22/05/2024

Jeep Avenger 4xe, la 4x4 elettrificata

Testo di Paolo Odinzoff

La Jeep Avenger mette i muscoli, debutta la versione 4xe a trazione integrale studiata per consentire anche alla “baby” offroad del marchio americano appartenete a Stellantis di sconfinare dai percorsi asfaltati, ricalcando, pur se in tono minore, l’indole “dura e pura” da fuoristrada delle sorelle maggiori.

Come è fatta la Jeep Avenger 4xe?

Disponibile nelle concessionarie a fine anno, la Avenger 4xe impiega un sistema ibrido a 48V che utilizza un motore elettrico indipendente sull’asse posteriore e un propulsore turbo benzina di 1.2 litri da 136 Cv collegato alle ruote anteriori, assistito anche questo da un motore elettrico integrato nel cambio automatico doppia frizione a sei rapporti.

Jeep Avenger 4xe, la 4x4 elettrificata

Sviluppata interamente in Italia, l’inedita architettura non prevede albero di trasmissione centrale e consente alle due unità a corrente, ciascuna da 21 kW (29 Cv), di funzionare in modo indipendente permettendo alla vettura prestazioni superiori, con una velocità massima di 194 km/h e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 9,5 secondi, oltre alla possibilità di marciare per brevi tratti di strada a basse velocità in solo elettrico.

Batteria piccola, ma buona

Ad alimentare la parte ibrida è una batteria agli ioni di litio che si ricarica durante la marcia e la trazione integrale può rimanere sempre attiva a prescindere dal quantitativo di energia accumulato, sfruttando il motore termico a mo’ di generatore. Rispetto alle attuali varianti mild hybrid da 101 Cv e 100% elettrica da 115 kW (156 Cv), la Avenger 4xe monta anche delle sospensioni posteriori Multilink tarate per garantire maggior comfort su strade accidentate, ha un’altezza da terra maggiorata di 10 mm e una capacita di guado fino a 400 mm.

Jeep Avenger 4xe, la 4x4 elettrificata

Esteticamente il modello Jeep è subito riconoscibile per alcuni particolari nella linea che ne mettono in evidenza l’inclinazione a sconfinare dalle strade asfaltate, tipo il frontale con un paraurti riprogettato appositamente per l’off-road e la parte inferiore della carrozzeria modificata in modo da consentire migliori angoli di offroad. Prevede poi alcuni equipaggiamenti specifici: come il gancio traino posteriore, oppure dei sedili realizzati con un materiale ultra resistente e completamente impermeabile, protetto da una soluzione antimacchia e antifango.

Potrebbe interessarti

Cos'è il Lane Keeping Assist e come funziona?

Cos’è il Lane Keeping Assist e come funziona?

Uno tra gli adas più importanti di cui possono disporre le vetture moderne. Serve a mantenere l'auto all'interno della propria corsia

di Redazione - 17/06/2024

Come si vince la 24 Ore di Le Mans?

Come si vince la 24 Ore di Le Mans?

Un'analisi dettagliata di Umberto Zapelloni ci racconta come è stato costruito questo secondo successo alla 24 Ore di Le Mans da parte di Ferrari con l'equipaggio Fuoco-Nielsen-Molina

di Redazione - 17/06/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram