Condividi con:

Gli incentivi auto forse entro fine mese

di Redazione - 07/05/2024

Testo di Mattia Eccheli

Presentato in febbraio, il programma 2024 per gli incentivi all’acquisto di auto meno inquinanti è progressivamente slittato, accompagnato da riflessioni e polemiche. La nuova scadenza dovrebbe essere la fine di maggio, forse l’inizio di giugno. I fondi disponibili sono 793 milioni di euro in totale per il nuovo: la cifra è teorica, perché 120 appartenevano alla dotazione stanziata dal Governo Draghi e sono già esauriti. Tuttavia si possono sommare i 20 per l’usato e i 50 sperimentali per i noleggio a lungo termine.

Nel 2023 solo il 2% degli incentivi ha finanziato l’acquisto di modelli cinesi

Le riflessioni sono quelle di rivenditori, costruttori e associazioni, che rilevano i dati del mercato. L’attesa per l’entrata in vigore del dispositivo sui bonus ha fatto crollare le vendite delle elettriche (le risorse sono pari a 240 milioni). I volumi sono scesi del 20% e la penetrazione, già bassa, è calata ulteriormente: nel trimestre inaugurale del 2023 era del 3,7%, mentre nello stesso periodo del 2024 è stata del 2,8%.

Le polemiche sono anche fra gli stessi ministri. Matteo Salvini, responsabile delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, ha criticato il dispositivo perché andrebbe a finanziare soprattutto l’acquisto di veicoli cinesi. Adolfo Urso, che guida il dicastero delle Imprese e del Made in Italy, lo ha smentito ricordando non solo come anch’egli abbia sottoscritto il piano, ma anche come nel 2023 appena il 2% sia stati impiegato per comperare auto provenienti dal Celeste Impero. Secondo Urso il programma di quest’anno “è stato ancor più disegnato sul modello della produzione nazionale e sul modello delle esigenze dei ceti popolari”.

Finanziata anche la conversione a GPL e a metano, tra 400 e 800 euro

In funzione dell’indicatore della situazione economica equivalente, il contributo per l’acquisto di un’elettrica può arrivare fino a 13.500 euro, ossia con una maggiorazione del 25% con ISEE fino a 30.000 euro. L’obiettivo resta quello di svecchiare il parco circolante per far sparire dalle strade modelli Euro 0, 1, 2 e 3. “Abbiamo quello più vecchio e inquinante d’Europa”, ha osservato il ministro del Made in Italy. Iva esclusa, il tetto massimo di spesa è stato fissato in 35.000 euro per le fasce 0-20 g/km e 61-135 e in 45.000 per quella 21-60.

I bonus del Belpaese valgono non solo per le elettriche, ma anche per le plug-in (le cui emissioni reali rilevate in Europa sono almeno 3,5 volte quelle omologate), per le ibride e per le auto alimentate da motori a combustione interna a benzina e diesel oltre che metano e GPL. Per la conversione “gassosa” di veicoli almeno Euro 4, l’esecutivo ha previsto 10 milioni di euro: 800 euro per il metano e 400 per il GPL. L’erogazione degli incentivi non ha effetti retroattivi.

Potrebbe interessarti

A290, la city car elettrica e sportiva di Alpine

A290, la city car elettrica e sportiva di Alpine

Ecco la nuova Alpine A290. L'elettrica di matrice sportiva che nasce sulla base della Renault R5 elettrica recentemente presentata.

di Redazione - 13/06/2024

Bmw aggiorna Serie 2 Coupé e M2

In casa Bmw è tempo di novità. Dopo Serie 3 spetta alla "2" presentare il nuovo model year. Più cavalli, vedi M2, e più tecnologia

di Redazione - 13/06/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram