Condividi con:

Ferrari vince di nuovo la 24 Ore di Le Mans

di Redazione - 16/06/2024

Ferrari vince di nuovo la 24 Ore di Le Mans

Testo di Mattia Eccheli

Il tricolore francese prima, quello italiano dopo. Zinedine Zidane ha sventolato la bandiera nazionale per dare il via alla 92° edizione della 24h di Le Mans, ma poco dopo le 16 di domenica il vessillo verde bianco rosso è stato esibito da Antonio Fuoco, dallo spagnolo Miguel Molina e dal danese Nicklas Nielsen, che ha guidato vittoriosamente al traguardo la Ferrari 499P dopo aver trascorso oltre 9 ore al volante. Il trionfo della scuderia di Maranello è stato doppio, anche se sofferto: intanto perché anche l’altro bolide ufficiale, quello dell’equipaggio composto da Antonio Giovinazzi, Alessandro Pier Guidi e James Calado, è salito sul podio, terzo.

Seconda affermazione consecutiva per la scuderia di Maranello

E poi perché si tratta della seconda affermazione consecutiva della Ferrari, dopo il rientro vincente dell’edizione del centenario dello scorso anno (la prima risale al 1923) firmato proprio dai terzi di oggi. La chiave del successo “rosso” è stato il passaggio forzato ai box disposto dai commissari per la chiusura della portiera della n° 50 che al muretto hanno impiegato per un rabbocco, che nell’economia della corsa ha poi permesso di fare l’ultimo rifornimento prima di tutti gli altri.

Per piloti e meccanici, ma anche per il pubblico, la prova è stata estenuante. Le condizioni sono state a tratte impietose e hanno costretto la direzione di gara a far girare per 6 ore le macchine dietro la Safety Car. La pioggia si è alternata al sole (poco) e ha aggiunto elementi di ulteriore incertezza a una gara che, per definizione, è carica di tensione.

Piazza d’onore per una Toyota GR010 Hybrid, come nel 2023

La Toyota, seconda come lo scorso anno, ha dovuto issare bandiera bianca con la GR010 Hybrid di José Maria Lopez, Kamui Koabiashi e Nyck de Vries, partita come ultima tra le Hypercar. Più dietro, quinto, il secondo bolide, con l’equipaggio più quotato composto da Sébastien Buemi (140 giri al volante su 311), da Brendon Hartley (toccato dalla Ferrari di Pier Guidi a un paio di ore dalla fine: la successiva penalità di 5” è stata ininfluente per la “rossa”) e Ryo Hirakawa.

La prima Porsche, quella ufficiale schierata in collaborazione con la Penske, è rimasta ai piedi del podio con un instancabile Laurens Vanthoor (quasi 11 ore e 45 di guida), Kévin Estre eAndré Lotterer (appena 3 ore e 41 minuti di guida). Nella Top 10 poi altre tre Porsche (sesta e poi ottava e nona le due vetture del Team Hertz Jota), una Cadillac (portata al traguardo da Alex Palou) e la prima delle due esordienti Lamborghini (tredicesima la seconda).

Debutto con bandiera a scacchi per Lamborghini e Isotta Fraschini

Poi altre tre hypercar: le due Peugeot (11° e 12°) e la “rivelazione” Isotta Fraschini, l’unico costruttore al via con una sola macchina. Il debutto è stato gratificato dalla bandiera a scacchi, peraltro vista da un terzetto di piloti per i quali non sono una novità le gare Endurance, ma lo sono quelle sul bagnato e notturne.

Delusi costruttori come Bmw (47° una hypercar, ritirata l’altra) e Alpine, che sei ore dopo la partenza aveva già abbassato le serrande del proprio garage: prima un rogo sulla macchina guidata dal nobile austriaco Ferdinand Zvonimir Maria Balthus Keith Michal Otto Antal Bahnam Leonhard von Habsburg (“Il Wec è come uscire con una ragazza. La 24h di Le Mans è come sposarla”) e poi un incidente con Nicholas Lapierre.

Con il trionfo del 2024, la Ferrari porta a 11 i successi nella gara transalpina: solo Porsche (19) e Audi (13) hanno vinto di più. I punti doppi della gara rilanciano il terzetto vincente nella classifica del Wec con 90 punti contro i 99 dell’equipaggio della prima Porsche, mentre fra i costruttori la graduatoria vede la casa tedesca in testa a quota 108 davanti a Ferrari (99) e Toyota (96). Nella LMP2 si sono imposti Oliver Jarvis, Nolan Siegel e Bijoy Garg con la Oreca della United Autosport (LMP2), mentre nella LMGT3 ha vinto la Porsche del Manthey Ema (Yasser Shahin, Morris Schuring e Richard Lietz).

 

Potrebbe interessarti

Tesla, risolta la quadra delle batterie 4680

Tesla, risolta la quadra delle batterie 4680

Quelle il cui processo di produzione degli elettrodi a secco consentirebbe un'enorme riduzione dei costi durante la realizzazione di celle agli ioni di litio

di Redazione - 19/07/2024

Sul nuovo Codice della Strada pendono anche 65 emendamenti della maggioranza

Sul nuovo Codice della Strada c’è il blocco al Senato

Dei 449 emendamenti presentati dai vari partiti, 65 sono firmati da esponenti degli altri partiti di maggioranza

di Redazione - 19/07/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram