Condividi con:

Confermati i dazi UE sulle auto elettriche prodotte in Cina

di Marco Triulzi - 05/07/2024

Ricarica Auto Elettrica - bonus

L’UE ha confermato i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina, molte delle quali appartengono a case automobilistiche europee. Dopo nove mesi dall’inizio dell’indagine antisovvenzioni promossa dalla Commissione Europea, il 5 luglio 2024, entrano in vigore i dazi provvisori. 

Dazi Ue rivisti leggermente al ribasso

Gli scambi tra governo cinese e europeo si sono intensificati nelle ultime settimane per giungere oltre questa data a un accordo che sia in linea con le direttive dell’OMC (Organizzazione Mondiale del Commercio). Osserveremo gli sviluppi e vi aggiorneremo. Ma una cosa è certa. A meno che non siano gli stessi Stati Membri a bocciare l’iniziativa i dazi UE, da oggi sono una realtà. Infatti, i dazi provvisori, si legge nel comunicato girato ieri dalla Commissione Europea, sono validi per un massimo di quattro mesi e richiedono una decisione finale sui dazi definitivi tramite un voto degli Stati membri dell’UE entro questo periodo. La decisione finale, una volta adottata, renderebbe i dazi definitivi per cinque anni. Rispetto alle aliquote divulgate a giugno, i dazi provvisori sono stati leggermente ridotti tenendo presente le osservazioni sull’esattezza dei calcoli prestate dalle parti coinvolte.
I dazi colpiranno i grandi colossi industriali cinesi che esportano auto elettriche in Europa, sovvenzionati dallo Stato cinese secondo l’indagine europea. Anche i costruttori europei che producono auto elettriche in Cina per importarle in Europa saranno coinvolti. Durante questo periodo di transizione verso i dazi definitivi, sia i gruppi cinesi sia le case automobilistiche europee cercheranno di limitare i danni causati da queste misure, che porteranno inevitabilmente a un aumento dei prezzi delle loro auto elettriche.

Le tariffe in percentuale

I dazi provvisori si aggiungono a quelli esistenti del 10% e sono così distribuiti per le tre aziende cinesi campionate:

BYD: 17,4%
Geely: 19,9% (Gruppo che contiene al suo interno altri marchi quali Smart, Volvo, Polestar e Lotus e Lynk & Co)
SAIC: 37,6% (Azienda proprietaria del marchio inglese MG)

Gli altri produttori di auto elettriche in Cina, che hanno collaborato all’indagine ma non sono stati campionati, sono soggetti a un dazio medio ponderato del 20,8%. Mentre il valore percentuale di 37,6% è assegnato alle aziende che non hanno collaborato all’indagine europea. Tra queste ultime potrebbe rientrare anche Mini che produce le sue nuove elettriche in Cina grazie a un accordo con Great Wall.
Tesla, a seguito di una sua richiesta di revisione, potrebbe ricevere una tariffa di dazio calcolata individualmente nella fase definitiva.

Potrebbe interessarti

Tesla, risolta la quadra delle batterie 4680

Tesla, risolta la quadra delle batterie 4680

Quelle il cui processo di produzione degli elettrodi a secco consentirebbe un'enorme riduzione dei costi durante la realizzazione di celle agli ioni di litio

di Redazione - 19/07/2024

Sul nuovo Codice della Strada pendono anche 65 emendamenti della maggioranza

Sul nuovo Codice della Strada c’è il blocco al Senato

Dei 449 emendamenti presentati dai vari partiti, 65 sono firmati da esponenti degli altri partiti di maggioranza

di Redazione - 19/07/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram