Condividi con:

Auto a Gpl: ecco tutte le informazioni

di Redazione - 06/06/2023

L’alimentazione bifuel a benzina/Gpl (ormai in costante crescita) è un’alternativa accessibile ed ecologica che permette di risparmiare alla pompa riducendo i costi di esercizio. Se confrontato con i prezzi di benzina e diesel, il Gpl continua a costare meno di 1 euro/litro.

Ciò significa risparmiare circa il 40%, nonostante i consumi del Gpl siano leggermente superiori rispetto a quelli di benzina e diesel. Proviamo a fare maggiore chiarezza attorno a questa alimentazione.

 

Sicuro al 100%

Sebbene ci sia ancora della reticenza, va subito chiarito che i moderni impianti a Gpl sono totalmente sicuri, in quanto devono rispettare obbligatoriamente il regolamente ECE/ONU 67-01, che prevede stringenti parametri di sicurezza per quanto riguarda il serbatoio, che deve essere equipaggiato con una valvola che blocca ermeticamente il gas quando l’auto viene spenta, e di una valvola che permette la fuoriuscita del Gpl qualora la pressione interna sia troppo elevata. Il serbatoio può essere riempito solo fino all’80% della sua capienza massima. Un’ulteriore misura di sicurezza.

Per questi motivi le auto con impianto a Gpl successivo al 2001 (sia native che convertite in un secondo momento) possono essere parcheggiate nei garage sotterranei, anche se solo fino al primo piano interrato. Per quanto riguarda i garage privati, come quelli dei condomini, la decisione di accogliere o meno le auto a Gpl spetta al consiglio condominiale.

 

Medesime prestazioni

Le auto a Gpl mantengono il medesimo livello di prestazioni, perché i moderni impianti garantiscono prestazioni del tutto in linea con quelle della benzina, e in alcuni casi addirittura superiori, soprattutto quando si parla di vetture che nascono con sistema bifuel installati in fabbrica.

Le auto native a Gpl sono anche costruite con componentistica di qualità superiore, in particolare per quanto riguarda l’usura delle valvole. La manutenzione ordinaria è, in generale, più costosa per le auto a Gpl soprattutto considerando la sostituzione e il collaudo del serbatoio, da fare obbligatoriamente ogni 10 anni.

 

La diffusione dei distributori di Gpl

Le automobili a Gpl hanno emissioni inquinanti più contenute e in molte regioni italiane godono di esenzioni o riduzioni del bollo, mentre alcune amministrazioni locali consentono la circolazione (a determinate condizioni) anche durante i blocchi emergenziali del traffico o le cosiddette “domeniche ecologiche”.

La rete di rifornimento non è capillare come quella di benzina e diesel ma può contare su oltre 4.500 distributori (anche in autostrada). Rimane però il problema del rifornimento in modalità self service: in teoria il fai da te è stato autorizzato da un decreto del 2014, in pratica rimane impossibile dato che i gestori non hanno adottato i numerosi adeguamenti richiesti dalla norma UNI 11647, che stabilisce le regole di sicurezza e i dettagli tecnici per gli impianti di Gpl con servizio “fai da te”.

Potrebbe interessarti

Tesla, risolta la quadra delle batterie 4680

Tesla, risolta la quadra delle batterie 4680

Quelle il cui processo di produzione degli elettrodi a secco consentirebbe un'enorme riduzione dei costi durante la realizzazione di celle agli ioni di litio

di Redazione - 19/07/2024

Sul nuovo Codice della Strada pendono anche 65 emendamenti della maggioranza

Sul nuovo Codice della Strada c’è il blocco al Senato

Dei 449 emendamenti presentati dai vari partiti, 65 sono firmati da esponenti degli altri partiti di maggioranza

di Redazione - 19/07/2024

Podcast

in collaborazione con Aci Radio

Il Punto di Pierluigi Bonora

Il Direttore di ACI Radio Pierluigi Bonora fa il punto sul fatto più rilevante della giornata offrendo spunti di riflessione per una corretta informazione.

l'Automobile su Instagram