Ultimo aggiornamento  02 febbraio 2023 13:30

Europa, volano le elettrificate.

Redazione ·

Il mercato europeo delle quattro ruote si conferma elettrificato. Secondo i recentissimi dati che sono stati divulgati da Acea - l’Associazione dei produttori di automobili operanti nel Vecchio Continente - i veicoli elettrici e ibridi hanno rappresentato il 43% delle vendite di auto nuove nell'Unione nel terzo trimestre 2022. Si tratta di un numero in crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, quando la percentuale non aveva raggiunto il 40%.

In particolare - fa notare Acea - più di un'auto su 10 vendute, ovvero l'11,9%, era un modello completamente elettrico e a zero emissioni, con un aumento delle commercializzazioni del 22% rispetto al terzo trimestre del 2021.

Politica comune

Davanti allo scenario della crisi energetica, del cambiamento climatico e dei grandi investimenti delle Case automobilistiche, la politica non sta a guardare: l’Unione europea ha istituito un divieto effettivo di vendita di nuovi veicoli a combustibili fossili a partire dal 2035.

Intanto, molti dei governi nazionali e locali hanno ridotto i sussidi per le automobili ibride plug-in a favore di quelle completamente elettriche. Le vendite dei mezzi a doppia alimentazione sono calate del 6% nel terzo trimestre dell'anno in corso. Nello stesso periodo la commercializzazione di auto a benzina ha visto una discesa del 3,3%: comunque la vetture spinte da questa alimentazione sono rimaste ancora le più popolari tra i clienti europei con il 37,8% delle vendite totali.

Le diesel hanno rappresentato il 16,5% delle vendite, con un calo del 4,7% rispetto all'anno precedente.
Nel 2015, i veicoli a gasolio rappresentavano quasi il 52% del totale nell’Unione, dato poi diminuito drasticamente dopo lo scoppio dello scandalo "Dieselgate" sulle emissioni.

Tag

Acea  · Auto Elettrica  · auto ibride plug-in  · Mercato Europa  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Uno studio dell'associazione europea dei costruttori rileva che solo 5 paesi hanno più di 10 punti di ricarica per auto elettriche ogni 100 chilometri

· di Redazione

La Casa svedese ha annunciato l'intenzione di uscire dall'associazione dei costruttori europei. E' il secondo addio dopo quello del gruppo Stellantis