Ultimo aggiornamento  28 gennaio 2023 01:19

Renault sterza sull'economia circolare.

Redazione ·

“Oggi facciamo un altro passo nel nostro storico impegno per l'economia circolare". Così Luca de Meo, l'amministratore delegato del gruppo Renault, ha annunciato la creazione della nuova entità interamente dedicata alla sostenibilità ambientale, "The Future Is Neutral", che si rivolge a tutti gli attori del settore automotive puntando a un fatturato di oltre 2,3 miliardi di euro e a un margine operativo di oltre il 10% entro il 2030.

Una missione ecosostenibile

"The Future Is Neutral", secondo Renault, saprà sviluppare soluzioni tecnologiche e industriali grazie alle competenze delle sue controllate e della sua rete di partner già operanti. L'obiettivo per l'industria automobilistica è di aumentare significativamente la percentuale di materiali riciclati nella produzione di nuovi veicoli. Oggi, ad esempio, un nuovo mezzo ne contiene solo tra il 20 e il 30% e l'obiettivo di questo progetto è far crescere sensibilmente questo valore.

"Dall'auto all'auto"

"I nostri partner, come Gaia, Indra e Boone Comenor aziende leader nel campo della sostenibilità, così come la Refactory di Flins  primo stabilimento europeo dedicato all'economia circolare della mobilità - ha detto de Meo -  hanno già generato attività che sappiano creare valore economico, sociale e ambientale durante tutto il ciclo di vita del veicolo". "Sulla base di questa esperienza e convinti del potenziale di queste - ha aggiunto - nasce 'The Future Is Neutral', che riunisce tutti i nostri asset industriali e tecnologici, offrendo all'industria automobilistica, di fronte alla sfida climatica, nuovi requisiti normativi e una crescente pressione sulle risorse, soluzioni di riciclo a circuito chiuso, ovvero dall'auto all'auto. La nostra ambizione è portare il riciclaggio in una nuova era e diventare il leader europeo nell'economia circolare automobilistica".

Nuove risorse

Secondo i dati Renault, ogni anno in Europa più di 11 milioni di veicoli, costituiti per circa l'85% da materiali riciclabili, raggiungono la fine della loro vita. Tuttavia, questa risorsa è poco sfruttata: i nuovi veicoli sono costituiti solo dal 20-30% da materiale riciclato, proveniente da tutti i settori. Oggi, questa risorsa viene per lo più recuperata per altre applicazioni industriali (metallurgia, edilizia, ecc.). L'obiettivo di "The Future Is Neutral" è consentire all'industria di ottenere un tasso molto più elevato di materiali automobilistici riciclati nella produzione di nuovi veicoli.

“Nel settore automobilistico, la prima risorsa sottosfruttata è l'auto stessa, che è composta per oltre l'85% da metalli e plastica. Questa realtà riunisce le competenze per convertire e spingere l'industria automobilistica verso la neutralità delle risorse, estraendo da ciascun veicolo la maggior quantità possibile di materiale necessario per produrre un nuovo modello", ha concluso  Jean-Philippe Bahuaud, ceo di "The Future Is Neutral".

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Il gruppo concentrerà il business dell'elettrico in "Ampere", presto quotata autonomamente in Borsa. Per il termico arriva "Horse", in partnership con Geely

· di Paolo Odinzov

La Vision Circular, destinata a diventare un’auto di serie nel 2040, è secondo il brand la prova di come sia possibile realizzare una vettura impiegando solo materiali riciclati