Ultimo aggiornamento  29 novembre 2022 09:32

Hellafurious, il sequel di "Christine" è un restomod.

Valerio Antonini ·

“Christine - La macchina infernale” è un romanzo del 1982 di Stephen King, dal quale l’anno seguente John Carpenter ha tratto l’omonimo film. Al centro delle vicende, raccontate con sagacia dal maestro del terrore e magistralmente rappresentate su pellicola dal regista newyorkese, c’è una protagonista a 4 ruote, una Plymouth Fury del 1958, che si trasforma in un autentico incubo per tutti coloro che intralcino la sua strada.  

A 40 anni dal romanzo di King, Christine rimane ancora un vero e proprio cult dell’horror, così il graphic designer Abimelec Arellano ha immaginato come potrebbe essere la protagonista di un eventiale sequel o remake della pellicola, che - secondo gli esperti di cinema - sarebbe in realrà già programmato e in fase di sceneggiatura. L’artista del web (noto su Instagram come abimelecdesign) ha anticipato i tempi di Hollywood, pubblicando i render del suo restomod della "macchina infernale", realizzato in collaborazione con gli specialisti in trasformazioni estreme della SpeedKore.

Il nome dice tutto

L’onomastica è tutto un programma: Hellafurious, nello stesso solco degli altri bolidi della SpeedKore, come l’Hellucination o l’Hellacious. Le linee eleganti della Fury originale sono state “incattivite” per dare la sensazione di avere a che fare davvero con un terribile “mostro demoniaco”. Il vestito della vettura è color bordeaux lucido con cerchi abbinati e le pinne in coda cromate in argento. I paraurti sono stati vistosamente ingigantiti per rendere il tutto ancora più inquietante.  

Motore Hellephant 

Per questa rivisitazione di Christine, la SpeedKore ha scelto il suo motore preferito, il potente V8 Hellephant della Mopar, che viene mostrato in bella vista in uno dei render pubblicati. Il propulsore da 1.000 cavalli è progettato specificatamente per i restomod delle muscle car e i pick-up americani anni ’60 e ’70. “Abbiamo immaginato sedili in Alcantara e rivestimenti in pelle di qualità”, scrive abimelecdesign riguardo gli interni della sua Christine. 

La Hellafurious dovrebbe rimanere solo un'auto virtuale, ma con un nuovo film in ballo e con lo zampino della SpeedKore non è da escludere l'ipotesi di vederne un esemplare reale prossimamente sui grandi schermi. D'altronde l'azienda del Wisconsin è diventata famosa anche aver modificato diverse vetture su commissione della star del cinema Robert Downey Jr., tra le quali una Ford Mustang, poi apparsa in uno degli episodi della celebre serie web americana Jay Leno’s Garage.

Tag

Abimelec Arellano  · Christine  · Hellafurious  · Plymouth  · Speedkore  · Stephen King  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Sono nati a due giorni e pochi anni di distanza (21 e 23 settembre) i maestri indiscussi del loro genere. Spesso usando le auto per parlare di sé e del mondo

· di Paolo Borgognone

Esce al cinema un thriller girato negli Usa ma dall'anima italiana, diretto da Ivan Silvestrini e che ha come protagonista un veicolo nero super sicuro. Troppo