Ultimo aggiornamento  27 novembre 2022 04:16

“20+20=40 facile, con Panda”, è festa.

Redazione ·

Grande festa per la Fiat Panda. Domenica 2 ottobre a Vigevano, in provincia di Pavia, va in scena un evento dedicato alla storica utilitaria “20+20=40 facile, con Panda”. Centinaia di appassionati si troveranno in piazza Calzolaio d’Italia per riprodurre con le loro auto il numero 40, il numero di candeline che il famoso modello del marchio torinese ha spento nel 2020 e che a distanza di due anni finalmente può celebrare.

Il programma

Dopo la realizzazione della coreografica, le Panda sfiliranno in parata per le vie del centro e attraverseranno piazza Ducale per la foto ricordo, per poi partire in carovana alla volta di un lungo tour per le campagne del pavese. Proprio nel 2020 la Panda ha compiuto 40 anni, e da qui è partita l’idea dell'influencer William Jonathan (Willy) di Milano, uno dei più grandi estimatori del modello che, riesumando un vecchio slogan, ha deciso di ideare l’evento.

“Quando mi sono reso conto che entravamo nel 2020 e che venti più venti dava come risultato quaranta mi è balzata subito in mente lo slogan degli anni novanta Facile, con Panda”, ha dichiarato Willy, che poi ha aggiunto: “Sto lavorando per mettere in campo tante sorprese, soprattutto grazie a tanti amici che hanno scelto di aiutarmi.

Non si tratta di un banale raduno di auto ma di una vera e propria festa, di un momento in cui aggregazione, passione e semplicità faranno da padroni. L’unico requisito per partecipare attivamente è avere a disposizione una Panda immatricolata dal 1980 a oggi, in qualsiasi condizione. Ma c’è sempre l’opzione “spettatore curioso” che promette un’esperienza molto appagante. Un evento che ha motivo di esistere perché, in fondo, la Panda è un’auto che fa parte della vita di tutti, piace a tutti e va festeggiata da tutti”.

Tag

40 anni  · Fiat Panda  · Vigevano  · 

Ti potrebbe interessare

· di Alberto Bellucci e Massimo Tiberi

Il test drive della prima generazione dell'utilitaria, ripreso dal numero dell'epoca della nostra rivista. Design di Giugiaro, praticità e prestazioni che ora farebbero sorridere