Ultimo aggiornamento  08 dicembre 2022 01:42

Usa, la ricarica in 50 Stati.

Paolo Borgognone ·

Il Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti ha approvato i piani per la costruzione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici in tutti i 50 Stati, oltre che a Washington D.C. e Puerto Rico.

Il programma rientra nel piano federale National Electric Vehicle Infrastructure Formula Program, grazie al quale tutte le amministrazioni locali hanno presentato i preventivi per la creazione dei punti di rifornimento all’Ufficio congiunto per l'energia e i trasporti.

"Abbiamo approvato tutti i piani ricevuti per contribuire a garantire che gli americani in ogni parte del Paese - dalle città più grandi alle comunità rurali più isolate - possano usufruire dei risparmi e benefici che i veicoli elettrici comportano", ha dichiarato il Segretario ai Trasporti Pete Buttigieg in un comunicato.

Grande impegno

All'inizio dell’anno, l'amministrazione Biden ha stanziato 5 miliardi di dollari (su un totale di 135 che include anche il sostegno allo sviluppo dei mezzi) per finanziare la costruzione una rete stazioni di ricarica per veicoli elettrici nell'arco del prossimo quinquennio. I piani di crescita per la rete elettrica e l'alimentazione delle colonnine sono ancora in fase di messa a punto.

Lo sforzo è immane, perché Washington ha fissato il target che - entro il 2030 - il 50% di tutte le vendite di auto in America sia rappresentato da veicoli a zero emissioni. Secondo il piano del Dipartimento dei Trasporti, gli Stati dovranno installare stazioni di ricarica ogni 50 miglia (circa 80 chilometri) lungo la rete delle interstatali e a non più di un chilometro e mezzo dall’accesso alle stesse.

"Con questo via libera, gli Stati, il Distretto di Columbia e Puerto Rico possono accelerare il loro lavoro che renderà la guida più comoda e conveniente per i residenti e fungerà da spina dorsale per la nostra rete nazionale di ricarica per veicoli elettrici", ha dichiarato l'amministratore federale delle autostrade Stephanie Pollack.

Il via libera per la costruzione delle stazioni in tutti i 50 Stati arriva una settimana dopo che l'Università di Stanford (California) ha pubblicato uno studio che mette in guardia sugli stress a cui potrebbero essere sottoposte le reti elettriche Usa con la diffusione dell'abitudine di mettere le auto in carica nel corso della notte.

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

La Commissione dell’Unione nega che lo sviluppo delle infrastrutture di ricarica creerà un continente “a due velocità”. Merito anche degli investimenti pubblici

· di Redazione

Il costruttore Usa invita anche i marchi concorrenti a usare il suo stesso standard per i sistemi di rifornimento elettrico, e lo definisce “il migliore del mondo”