Ultimo aggiornamento  02 dicembre 2022 03:48

Ferrari SP51, one-off a cielo aperto.

Edoardo Nastri ·

Nuovo giro, nuova one-off. Ferrari ha presentato la SP51, nuovo esclusivissimo modello che arriva dalle officine dei Progetti Speciali di Maranello, dedicate alla realizzazione dei modelli unici su richiesta dei clienti più affezionati. La SP51 sfrutta la base tecnica della 812 Gts a cui il team di design guidato da Flavio Manzoni ha dato nuove forme, generando un esemplare unico che è già un “instant classic”.

Ci sono voluti due anni per completare la SP51, per la quale ogni dettaglio è stato concordato da Ferrari con il cliente di origine taiwanese, già possessore di diverse Rosse particolarmente esclusive. Il cuore tecnico della vettura è rimasto il 6.5 V12 da 800 cavalli della 812 Gts, ma colori, materiali e diverse scelte stilistiche sono specifiche per questo progetto.

E' una vera roadster 

Per prima cosa via il tetto: la SP51 è una pura roadster, un'architettura che ne accentua il carattere sportivo e il fattore emotivo che solo la guida con il vento tra i capelli può regalare. Figuriamoci quando si tratta di una Ferrari. L’eliminazione del tetto ha tuttavia portato il team di progettazione a confrontarsi con nuove sfide legate all’ottimizzazione aerodinamica della vettura: secondo quanto dichiarato, la serie di test del modello in galleria del vento ha avuto l’obiettivo di ridurre le turbolenze ricercando un effetto “bolla” per un abitacolo che fosse il più possibile isolato dall'esterno.

Il nuovo stile degli esterni è definito da volumi sinuosi che sembrano modellati dal vento con superfici ondulate e ampio uso di elementi in fibra di carbonio a vista. Oltre al nuovo disegno dei fari e a cerchi specifici, la SP51 ha il “flying bridge” una struttura posta sul dorso della vettura che nasconde la barra antirollio, ricordando le soluzioni utilizzate dalle Ferrari Sport Prototipo dei primi anni ’60. Anche la vernice strizza l’occhio al passato: il Rosso Passionale scelto dal cliente è un triplo strato con una livrea longitudinale bianca e blu, proprio come quella della 410 SS del 1955 carrozzata da Scaglietti per partecipare alla Carrera Panamericana.

Rossa dentro e fuori 

La personalizzazione prosegue nell’abitacolo che il proprietario ha deciso di rivestire in Alcantara rossa con cuciture a contrasto blu. I colori bianco e blu compaiono anche sul tunnel centrale e sulla fascia compresa tra i sedili nella parete posteriore della cabina, oltre che sulle cuciture del volante, generando una continuità tra interni ed esterni, accentuata dal fatto che la vettura, essendo una roadster, è pensata per rimanere sempre aperta.

La SP51 è l’ultima creazione del programma Progetti Speciali di Ferrari che cura le Rosse più esclusive e prevede un contatto diretto tra i clienti e il centro stile di Maranello. L'obiettivo? Realizzare una vettura completamente su misura. Secondo quanto dichiarato, ciascun progetto parte dall’idea del committente che, previa fattibilità, si trova coinvolto in tutte le fasi di sviluppo e verifica progettuale.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Umberto Zapelloni

La versione spider della berlinetta di Maranello fa scomparire il tetto in 14 secondi. 830 cavalli per una guida unica "en plein air". Costa 320mila euro

· di Valerio Antonini

Durante la “The Zoute Sale” in programma l'8 ottobre, la casa d’aste Bonhams metterà all’incanto una quarantina di veicoli da collezione tra cui una rara 288 GTO del 1984

· di Angelo Berchicci

L'ultima "Icona" della Casa di Maranello si ispira alle Sport Prototipo degli anni '60. Sotto il cofano un V12 da 840 cavalli, 0-100 in 2,85 secondi. Prezzo 2 milioni di euro