Ultimo aggiornamento  08 dicembre 2022 01:15

Cina, incentivi alle elettrificate per tutto il 2023.

Redazione ·

Il governo cinese continua la politica a sostegno della diffusione dei veicoli elettrici puri, plug in e a celle di combustibile, i cosiddetti “Nev - New Energy Vehicles”. Il Ministero delle finanze di Pechino ha infatti esteso le esenzioni fiscali per l’acquisto dei mezzi che rientrano in questa categoria fino a tutto il 2023. Il provvedimento proroga quindi gli incentivi che sarebbero scaduti alla fine del 2022.

Si tratta della terza proroga della legge che certifica le facilitazioni all'acquisto. Si calcola che il suo valore economico si aggiri, per il prossimo anno, intorno ai 100 miliardi di Yuan, equivalenti a circa 14,7 miliardi di euro.

Nel darne notizia, il Ministero interessato - insieme a quelli della industria e della tecnologia dell’informazione - ha confermato come il provvedimento si applicherà a tutti gli acquisti effettuati nel corso del prossimo anno e che i veicoli che ne potranno usufruire saranno presto resi noti in un apposito elenco, pubblicato nelle prossime settimane.

Grande crescita

Nel 2022, il settore dei New Energy Vehicles in Cina ha registrato una rapida crescita. Da gennaio ad agosto 2022, la produzione complessiva ha raggiunto i 3,97 milioni di unità, mentre le vendite hanno toccato i 3,86 milioni di esemplari, con un aumento rispettivamente di 1,2 volte e 1,1 volte rispetto all'anno precedente.

Il paese asiatico ha rappresentato oltre il 57% della produzione totale di veicoli elettrici a livello mondiale nel 2021 e la Cina può essere considerata leader globale anche nei settori collegati a quello della costruzione di auto: basti pensare che qui hanno sede alcuni dei maggiori produttori e fornitori di batterie per elettriche al mondo. Come Catl, che rifornisce di celle per accumulatori le più importanti Case di veicoli a zero emissioni del pianeta.

Tag

Cina  · Ecoincentivi  · NEV  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il governo di Tokyo critica ufficialmente i nuovi crediti d’imposta promessi da Washington e minaccia “minori investimenti”. Anche l’Europa preoccupata

· di Redazione

Per l’amministrazione fiscale statale, l'incentivo della riduzione delle imposte sui mezzi meno inquinanti ha aiutato il mercato. Risparmiato l'equivalente di 1 miliardo di euro