Ultimo aggiornamento  03 dicembre 2022 03:42

2024, Triumph nel Mondiale Motocross.

Antonio Vitillo ·

L’edizione 2024 del FIM Motocross World Championship si arricchirà della partecipazione ufficiale della Triumph Motorcycles. Il debutto sarà gestito direttamente dalla nuova divisione Triumph Racing, che coordinerà tutte le attività legate alle competizioni, compresi i campionati velocità delle classi Moto2, nel quale la casa inglese è fornitrice dei motori nell’intera categoria, e Supersport.

Vincent Bereni, che già svolge le funzioni di “team manager”, è confermato nel proprio ruolo, con l’obiettivo di portare le moto di Triumph Motorcycles ai vertici delle rispettive categorie.

Nuovo team

Il nuovo Triumph Racing Team nasce in collaborazione con Thierry Chizat-Suzzoni; fin dalla prima stagione, nella MX2 iridata scenderanno in campo due moto, per altrettanti piloti, con motori a quattro tempi di cilindrata 250, mentre l’anno successivo si vedranno in pista anche le MXGP di 450 centimetri cubici. Una ambiziosa programmazione che riflette l’intenzione di costruire un progetto a lungo termine, che porti Triumph a partecipazioni di alto livello.

Conferme sugli obiettivi arrivano anche dalle parole di Nick Bloor, il ceo di Triumph Motorcycles: “La decisione di competere con un Team Factory nel FIM Motocross World Championship segna l’apertura di un nuovo capitolo e di una ulteriore sfida”.

Born in UK

Triumph Racing è ubicata direttamente nel quartier generale di Hinckley, in Gran Bretagna, dove ci sono i reparti di ricerca, progettazione, sviluppo e ingegnerizzazione, mentre il team che parteciperà al Mondiale Motocross avrà sede nelle strutture del manager Chizat- Suzzoni, a Eindhoven, in Olanda.

Al fine di arrivare pronti al prossimo debutto, i membri della squadra olandese e gli ingegneri di Triumph stanno già lavorando a stretto contatto, ciclistica e motore si svilupperanno attraverso un programma di test che prevede sessioni negli Stati Uniti e in Europa, oltre che in Gran Bretagna.

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

Nei dodici mesi conclusi il 30 giugno 2022, il costruttore in Italia ha immatricolato 6mila moto. Mai così tante. Aumentati i punti vendita, diventati ora 48

· di Antonio Vitillo

Lo storico marchio inglese acquista la piccola società connazionale con l'intenzione di allargare i propri orizzonti nei settori fuoristrada ed elettrico