Ultimo aggiornamento  28 gennaio 2023 04:47

Ducati Monster SP, un tipo sportivo.

Antonio Vitillo ·

La Ducati Monster presenta l'inedita versione SP: moto non solo più aggressiva dal punto di vista dell’estetica, ma con dotazioni tecniche di primo livello, che ne fanno un modello più leggero, dinamicamente maggiormente efficace e divertente nella guida sportiva.

Tra passato e futuro

Moto “naked” in declinazione moderna, le caratteristiche costruttive sono le stesse del primo modello del ‘93, cioè con un motore brillante in un telaio di derivazione Superbike: l’ultima Monster si serve del Testastretta 11°, bicilindrico con distribuzione “desmo” a quattro valvole, raffreddamento a liquido e 111 cavalli di potenza erogata. Il telaio “Front Frame” in alluminio s’ispira a quello della Panigale V4, piccolo e leggero, direttamente imbullonato alle testate, si serve del motore come elemento funzionale ai compiti della ciclistica. 

Già dalla livrea, che richiama i colori della Desmosedici GP del team ufficiale Ducati, si intuisce il temperamento sportivo del modello SP, indole dichiarata anche dall’anodizzazione dorata della forcella Ohlins NIX30 e dal terminale di scarico Termignoni; altri dettagli aumentano la percezione di sportività, come la sella in colore rosso, che si integra al codino, i loghi Monster SP, sul coperchio sella del passeggero, e Ducati sul serbatoio, più grande come quello della Panigale V4.

Più leggera

La Monster SP promette miglioramenti sulle diverse prestazioni dinamiche, la maggior efficacia nella guida sportiva sarebbe conseguenza di una frenata superiore, ridotti trasferimenti di carico e maggior precisioni in tutte le fasi di guida, compresa la capacità di chiusura delle traiettorie in curva. Le sospensioni, entrambe Ohlins, sono totalmente regolabili, la forcella, che è più leggera di 0,6 chili, aumenta anche la “luce a terra”, quindi l’angolo di piega. Diminuisce di mezzo chilo pure il peso delle pinze Brembo Stylema e delle flange in alluminio - i dischi anteriori sono di diametro 320 millimetri - e si risparmia altro peso grazie all’adozione di una nuova batteria al litio: nonostante l’aggiunta del cupolino e dell’ammortizzatore di sterzo, la SP si alleggerisce di due chili rispetto al modello standard.

Equipaggiata di serie degli pneumatici Pirelli Diablo Rosso IV, l’elettronica è stata ricalibrata alle nuove prestazioni della ciclistica, il “riding mode Wet” è stato aggiunto per offrire maggior sicurezza nella guida sui fondi scivolosi; le singole “performance” elettroniche sono tuttavia facilmente personalizzabili attraverso i comandi al manubrio, controlli consultabili sul display Tft da 4,3”.

Arriva nel 2023

Il Ducati Monster SP sarà disponibile a partire da gennaio, anche in versione depotenziata per la guida con patente A2; i prezzi non sono ancora noti, ma per incentivare i motociclisti giovani, Ducati - su tutte le moto a 35 chilowatt in gamma-  offre un’agevolazione di 1.000 euro sul prezzo di listino.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

Eletta al recente Eicma "la più bella", la nuova proposta del marchio italiano si presenta rinnovata nello stile e nei contenuti. arriva, in rosso o nero, a gennaio

· di Antonio Vitillo

La due ruote del marchio italiano diventa ancora più versatile, adottando soluzioni che ne consentono l'uso su qualsiasi terreno. Anteprima all'Eicma di novembre

· di Antonio Vitillo

Presentata all'Eicma nel 1994, la supersportiva che sostituisce la 851 non fa nulla per nascondere la vena racing. Il suo terreno di caccia ideale sarà la Superbike

· di Antonio Vitillo

In giro tra le vette più alte d'Italia in sella alla V4: si parte il 14 e 15 maggio prossimi con il Sestriere in Piemonte. Tappe in Lombardia, Val d'Aosta, Veneto e Trentino