Ultimo aggiornamento  27 novembre 2022 04:15

Ford: abbassiamo i prezzi delle elettriche.

Redazione ·

L’amministratore delegato di Ford Jim Farley ha le idee chiare sulle mosse future del marchio per quanto riguarda le vetture elettriche. Per questo si recherà nei prossimi giorni a Las Vegas a una convention dei concessionari Usa: lo scopo è convincerli ad accettare nuovi accordi che regoleranno le modalità di vendita della gamma a batteria per arrivare a tagliare il prezzo finale di 2mila dollari. 

La riduzione ha lo scopo di assumere maggiore competitività nei confronti di Tesla e di altre startup di veicoli elettrici che vendono direttamente ai consumatori senza centri in franchising.

Mossa chiara

Circa un terzo di questi risparmi potrebbe derivare da quello che Farley ha definito un "modello a basso inventario", in cui i clienti ordinano un veicolo e Ford lo spedisce al cliente, piuttosto che stoccarli nei lotti dei concessionari per settimane o mesi. "Pensiamo che questo valga circa 600 o 700 dollari nel nostro sistema", ha detto Farley agli analisti. Non sono stati resi noti altri particolari, e ufficialmente il costruttore si è limitato a dire: "siamo entusiasti di incontrare la prossima settimana i nostri venditori del Nord America per crescere e vincere insieme”.

Dal canto loro, i concessionari hanno detto che si aspettano che Ford delinei gli investimenti minimi per le stazioni di ricarica e altre attrezzature per supportare i clienti dei mezzi a batteria. Problema fondamentale sarà la rapidità con cui si dovranno installare presso i punti vendita i caricabatterie, che secondo i rappresentanti al dettaglio, possono costare fino a 500mila dollari.

"Finora i costruttori ci hanno permesso di scalare la situazione e credo che Ford si augurerà di fare la stessa cosa. Non si può semplicemente dire: 'Venderemo 2 milioni di auto elettriche tra cinque anni e ci aspettiamo che mettiate cinque supercharger", ha detto Rhett Ricart, proprietario di Ricart Ford, una grande concessionaria di Columbus, Ohio.

Il modello Musk

Il successo di Tesla nella commercializzazione di veicoli elettrici senza concessionari in franchising sta mettendo pressione su tutte le case automobilistiche affinché rivedano le loro reti di vendita al pubblico. Il punto di  domanda di molti concessionari è di quanto la proposta di Farley possa incidere sui loro margini di profitto. "Vedo saranno ancora molto competitivi, ma le cose potranno cambiare", ha detto il ceo a luglio, ribadendo anche che il costruttore intende porre maggiore enfasi su prodotti e servizi post vendita.

I concessionari hanno detto che le leggi statali sul franchising potrebbero dargli la possibilità di opporsi ai tentativi di Ford di fissare prezzi fissi o tariffe fisse per la consegna dei veicoli elettrici. La settimana scorsa la rivale General Motors ha dichiarato che avrebbe offerto l'acquisto ai concessionari Buick statunitensi che non volevano effettuare gli investimenti necessari per il passaggio del marchio a una linea completamente elettrica. Gm ha già speso 274 milioni di dollari per ridurre il numero di concessionari Cadillac negli Stati Uniti.

Josh Sloan, direttore generale di due negozi Ford e uno Lincoln per LaFontaine Automotive Group del Michigan, ha detto che la sua azienda è pronta a spendere quanto necessario per passare ai veicoli elettrici.
"Sono rimasto sorpreso - ha detto - che Ford non abbia imposto prima standard più elevati. Ci stiamo muovendo molto velocemente. Se non si è pronti a tutto, si perderà".

Tag

Ford  · Jim Farley  · Tesla  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Costi dell’energia e carenza di componenti potrebbero fortemente rallentare la corsa dell'auto a batteria. In Cina già è crisi, con forti perdite per tutti

 

 

· di Redazione

Per il ceo del costruttore Usa, Jim Farley, il consumatore risparmierebbe 2mila dollari sull’acquisto di un'elettrica. I concessionari forniranno servizi e assitenza