Ultimo aggiornamento  03 ottobre 2022 04:00

Luce Verde

F1: Gp d’Italia 2022, la parola alla pista.

Redazione ·

A Monza, finalmente, si accendono i motori. Dopo mesi di lavoro e trepidazione, il 93esimo Gran Premio d’Italia di Formula 1 prende il via all’Autodromo nazionale. Oggi alle 14 prima ora di prove libere, seguita dalla seconda alle 17. Sabato 10 terzo round di test alle 13 e qualifiche decisive per la griglia alle 16. La gara parte domenica alle 15 e si svolgerà su 53 tiratissimi giri del tracciato lungo 5.793 metri e nel quale, per oltre il 70% del tempo, il motore è al massimo.

I protagonisti

Il Gp d’Italia è la sedicesima gara della stagione 2022 di Formula 1, finora dominata dalla Red Bull di Max Verstappen. L’olandese - campione del mondo in carica - ha totalizzato 301 punti precedendo il ferrarista monegasco Charles Leclerc e il messicano (anche lui su Red Bull) Sergio Perez, entrambi a 201. Più staccati gli altri, con l’inglese George Russell quarto a 188, l’altro ferrarista (qui eccezionalmente in giallo in onore ai colori di Modena) Carlos Sainz a 175 e a 158 il sette volte iridato Sir Lewis Hamilton.

Reduce dai trionfi in Belgio e Olanda, le ultime due gare disputate dopo la sosta estiva, Verstappen guarda alla prova italiana con fiducia, forte di una monoposto motorizzata Honda che - soprattutto nelle sue mani - appare quasi imprendibile. Inevitabile pensare però che, sospinti dalla passione del pubblico di casa, i due ferraristi tenteranno l’impossibile per batterlo, utilizzando forse anche il gioco delle scie in prova. Stesso discorso per gli outsider Russell e Perez, mentre Hamilton, verosimilmente, partirà in fondo alla griglia, penalizzato da un inevitabile cambio motore e appare tagliato fuori. Attenzione però agli altri possibili protagonisti, da Lando Norris a Pierre Gasly, pronti ad approfittare di una qualunque situazione per ribaltare i pronostici.

Tutti andamno a caccia di uno dei record più longevi di questo sport, quello sul giro cronometrato di Monza che appartiene ancora - dal 2004 - a Rubens Barrichello che lo ottenne con la sua Ferrari nel lontano 2004, fermando il cronometro a 1.21.046.

Italia sugli scudi

L’appuntamento di Monza con la F1 - impreziosito dai festeggiamenti per il centenario dell’Autodromo fondato nel 1922 - sarà salutato dal tutto esaurito sulle tribune con 350mila persone attese per il week end. Tra loro ci sarà anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, mentre l’esecuzione dell’inno nazionale che precede la partenza è affidato quest’anno al tenore Andrea Bocelli. A coronare le note dell’inno di Mameli (eseguito dalla Banda della Guardia di Finanza  diretta dal Tenente Colonnello Leonardo Laserra Ingrosso) il circuito sarà sorvolato dalla pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori.

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Rai Due trasmette venerdì 9 in prima serata un lungometraggio dedicato al secolo di vita dell’autodromo e alla storia dell’automobilismo sportivo e non in Italia

· di Redazione

350mila spettatori nel week end. Atteso il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Previsto il passaggio delle Frecce Tricolori. Inno italiano affidato ad Andrea Bocelli