Ultimo aggiornamento  02 ottobre 2022 07:57

Luce Verde

Volkswagen, a rischio il futuro della Golf.

Angelo Berchicci ·

La Golf, la storica e longeva compatta di Volkswagen, potrebbe non vedere mai una nona generazione. A prospettare tale ipotesi sono le parole del ceo del brand Thomas Schäfer, il quale intervistato dalla testata tedesca Welt ha dichiarato che il futuro della Golf non è più così sicuro, a causa delle prossime normative anti-inquinamento promosse dall'Unione Europea.

Nuova generazione in bilico

Lanciata per la prima volta nel 1974, la Golf è diventata una vera e propria istituzione per Volkswagen. L'attuale generazione - l'ottava - è stata presentata nel 2019 e a detta di Schäfer vedrà un restyling di metà carriera nei prossimi anni, probabilmente nel 2023 o 2024. Da quella data il modello avrà ancora 2 o 3 anni di servizio davanti, ma una nona generazione potrebbe non essere prevista. La decisione in merito sarà presa dal costruttore entro il prossimo anno.

"Dobbiamo verificare se valga la pena sviluppare un nuovo veicolo con un ciclo di vita non superiore a sette o otto anni. Per noi è estremamente costoso” afferma il manager, spiegando che i dubbi sono dovuti a un ciclo di vita troppo breve di un'eventuale nuova generazione, che andrebbe a impattare contro il ban dei motori endotermici in programma nel 2035.

Le preoccupazioni del costruttore riguardano anche l'ipotesi che alcuni paesi possano decidere di passare all'elettrico persino prima di quella data, limitando la penetrazione della Golf nel suo mercato principale, ovvero l'Europa. 

Maggiori costi per le Case

Difficilmente una Golf IX potrebbe portare a termine il ciclo di vita necessario per ammortizzare gli investimenti, considerando che nei prossimi anni entrerà in vigore lo standard Euro 7, più restrittivo sul piano delle emissioni e più costoso per i costruttori.

Se una Golf IX si farà, quindi, sembra proprio che il suo prezzo sarà superiore rispetto all'attuale: secondo Schäfer la normativa Euro 7 farà aumentare i prezzi di un'auto con motore a combustione di 3.000-5.000 euro a causa dei maggiori costi di sviluppo, e questo potrebbe comportare la fine delle vetture di dimensioni compatte (Audi ha già detto addio alla A1), 

“Con un'auto piccola, questi costi aggiuntivi difficilmente possono essere compensati. Quindi la mobilità entry level con motori a combustione sarà significativamente più costosa", ha aggiunto Schäfer, paventando la prossima scomparsa dai listini di vetture attorno ai 10mila euro di prezzo. Insomma, l'attuale generazione di Golf (e a questo punto sorgono dubbi anche sul destino della Polo) potrebbe essere l'ultima a vedere la luce, ma per saperne di più dovremo attendere l'anno prossimo.

Tag

Golf0  · Volkswagen  · Volkswagen Golf  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Chiamato a sostituire Herbert Diess, il nuovo ceo del gruppo tedesco dovrà subito gestire diverse questioni cruciali, in primis la quotazione in Borsa di Porsche