Ultimo aggiornamento  28 novembre 2022 23:56

Hyundai, le elettriche che vedremo.

Angelo Berchicci ·

Hyundai ha annunciato negli scorsi mesi un rinnovato impegno nell'elettrificazione, che porterà il brand coreano a lanciare almeno 11 nuovi modelli a zero emissioni entro il 2030 (17 se si considera anche il brand premium Genesis). Stando alle dichiarazioni dei manager, 3 di questi modelli adotteranno un classico formato di carrozzeria berlina (rientra tra questi la berlina-coupé Ioniq 6, recentemente svelata), i suv saranno 6, di varie dimensioni, mentre i restanti 2 modelli saranno costituiti da un veicolo commerciale e da una vettura descritta come "un nuovo tipo di automobile".

La prima N a zero emissioni

La prima novità a batteria che vedremo sarà la versione ad alte prestazioni marchiata N della Ioniq 5. La vettura dovrebbe arrivare sul mercato nel 2023 ma la sua presentaone potrebbe avvenire entro la fine del 2022, considerando i numerosi avvistamenti di muletti al Nurburgring ,che dimostrano una fase di sviluppo ormai quasi ultimata.

Il powertrain dovrebbe essere molto probabilmente quello della "cugina" Kia EV6 GT (i due modelli sfruttano la stessa piattaforma E-GMP), mossa da due motori - uno su ciascun asse - che creano un sistema di trazione integrale privo di collegamenti meccanici. Grazie a una potenza di ben 585 cavalli e 740 newtonmetri di coppia, l'auto brucia lo 0-100 in 3,5 secondi. Dati che sulla Ioniq 5 potrebbe essere persino rivisti al rialzo.    

Un'ammiraglia a 7 posti

Successivamente sarà la volta dell'ammiraglia a ruote alte Ioniq 7, anticipata dall'omonima concept. Si tratta di un suv di grandi dimensioni (attorno ai 5 metri), pensato principalmente per il mercato americano e per quello cinese, che sarà in grado di ospitare fino a 7 persone. Come per tutti futuri modelli elettrici del brand sudcoreano, la piattaforma alla base sarà l'architettura dedicata E-GMP, che grazie a un alto livello di modularità riesce a coprire praticamente tutti i segmenti di mercato.

La versione di produzione della Ioniq 7 dovrebbe rimanere vicina nel design al prototipo, un mix di linee squadrate e tondeggianti, tagli netti e superfici lisce, che vanno a creare una vettura dall'aspetto muscoloso e futuristico. Caratteristici del nuovo corso Hyundai, anticipato dalla monovolume Staria, sono i proiettori a led di forma molto sottile, che si estendono per tutta la larghezza del veicolo.

La vettura è attesa con vari step di potenza e ovviamente potrà contare sulla trazione integrale, mentre l'autonomia massima si stima superiore ai 600 chilometri. La Ioniq 7 dovrebbe arrivare sul mercato nel 2024, ma potrebbe essere svelata nel corso del prossimo anno.

Un modello compatto per l'Europa

Di recente i manager europei di Hyundai hanno annunciato l'intenzione di lanciare nel vecchio continente un modello elettrico compatto, probabilmente rientrante nel segmento B, con un prezzo di partenza inferiore ai 20mila euro. La vettura, per cui ci aspetta il nome di Ioniq 2, potrebbe adottare una carrozzeria crossover, sulla falsariga della Ioniq 5. Le indiscrezioni vogliono per il nuovo modello una lunghezza attorno ai 4 metri e un formato da compatta rialzata, a metà strada fra una i20 e una Kona, 

Inoltre, la E-GMP potrebbe essere utilizzata anche per dar vita a un pick-up elettrico, pensato principalmente per il mercato americano, dove il segmento è in forte crescita (anche se il modello non è stato confermato dalla Casa). Si  potrebbe trattare di una sorta di controparte a batteria della Hyundai Santa Cruz, che negli Usa ha vinto per la seconda volta consecutiva il titolo di miglior pick-up compatto assegnato dalla Northwest Automotive Press Association.

Tag

Elettrico  · Hyundai  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

I due costruttori siglano un accordo con sei istituti coreani per sviluppare tecnologie innovative destinate all’esplorazione della superficie del nostro satellite