Ultimo aggiornamento  27 novembre 2022 13:03

Pleggit, l'app per l'acquisto sicuro.

Redazione ·

Il mercato online sta spopolando anche nel mondo automotive, soprattutto per ii veicoli usati (automobili, moto, camper o altre tipologie). Per evitare di incappare in spiacevoli episodi o, peggio ancora, truffe, nasce Pleggit, l'app che tutela la transazione economica delle parti coinvolte in una compravendita.

Come funziona

Il funzionamento dell’app è molto semplice. Si inizia con il creare una connessione: le parti si registrano, indicano la targa e la cifra pattuita e proprio la concordanza di questi dati permette loro di iniziare la trattativa. Sarà poi l’app stessa a guidare verso tutta la procedura del passaggio di proprietà, e rilascerà i fondi appena il passaggio è avvenuto. In caso di disaccordo Pleggit protegge entrambe le parti verificando lo stato di proprietà presso il Pubblico Registro Automobilistico. “Nel mercato dell’automotive mancava un servizio di questo genere, che permettesse ai privati di effettuare compravendite senza rischi”, racconta Valentina Berghi, responsabile Business Development. “Gli aspetti a cui abbiamo prestato maggiore attenzione sono due: l’affidabilità dell’intero processo e la semplicità di utilizzo”.

Secondo Google ogni mese sono circa 3mila e 700 le ricerche effettuate dagli utenti per informarsi sulle truffe legate all’acquisto di auto usate. In Italia, solo nel 2021, i raggiri sono aumentati del 16%, con oltre 77mila frodi legate al cybercrimine, con danni stimati che superano i 150 milioni di euro (fonte: Altroconsumo). Un fenomeno che si ripercuote negativamente anche sulla compravendita dei veicoli usati. Pertanto, Pleggit permette di creare uno spazio neutrale, in cui venditore e acquirente possano agire in piena trasparenza e tranquillità, con un sistema che conferma ogni passaggio e ne certifica la validità.

Tag

auto usate  · Pleggit  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Annuncio del Mise: a disposizione 40 milioni di euro per le vetture di seconda mano almeno euro 6. Contributi da 750 fino a 2mila euro. Via dal 28 settembre