Ultimo aggiornamento  27 gennaio 2023 09:29

Alla scoperta delle Cabrio elettriche.

Edoardo Nastri ·

Cosa c’è di più bello che guidare nel verde con il vento tra i capelli e in totale silenzio? Il fascino delle auto cabriolet lascia pochi automobilisti indifferenti e la rivoluzione elettrica in arrivo potrebbe ulteriormente aumentare l’appeal e il comfort di questi modelli.

Sono ancora pochi i modelli a zero emissioni offerti sul mercato con la possibilità di avere una capote in tela da aprire nelle giornate di sole, ma a giudicare dalle anticipazioni e concept car svelate negli ultimi mesi sembra che alcuni costruttori abbiano intenzione di esplorare il segmento nel prossimo futuro.

Fiat 500, Smart Fortwo e Mini

Tra chi si è già lanciato nel segmento ci sono Fiat e Smart con le loro elettriche 500 Cabrio e Fortwo Cabrio. Entrambe condividono lo stesso powertrain delle versioni berlina, ma con quel tasto in più che fa la differenza e in pochi secondi permette alla capote in tela di scomparire ripiegandosi su se stessa. La Fiat 500 elettrica Cabrio è disponibile con due pacchi batteria da 23,6 o 42 chilowattora per un’autonomia di 303 o 190 chilometri e un prezzo di partenza da 32.300 euro.

La smart fortwo cabrio si può acquistare con un solo propulsore da 60 chilowatt alimentato da un pacco batteria da 18 chilowattora per un’autonomia dichiarata di 139 chilometri. Il prezzo parte da 28.577 euro. Dal canto suo Mini ha recentemente svelato un esemplare unico della sua tre porte cabrio in versione 100% elettrica che arriverà nella versione di serie e con la nuova generazione nel 2025. Un’auto pensata per chi vuole godersi il “go kart feeling” tipico di Mini ma all’aria aperta e a zero emissioni. Potenza, batteria e range sono ancora top secret.

Le scoperte del futuro

Tante le concept che hanno immaginato una declinazione a zero emissioni dell’architettura all’aria aperta. Tra gli ultimi c’è Polestar che ha immaginato con la O2 una roadster elettrica ad alte prestazioni dalle linee particolarmente attraenti. Alexander Lutz, capo del marchio in Italia, ha dichiarato recentemente che l’ambizione sarebbe quella di produrla in serie visto il successo riscosso dal prototipo che ha anche partecipato al Goodwood Festival of Speed 2022. MG, marchio del gruppo cinese Saic, si starebbe preparando a svelare per il 2023 la versione di serie della Cyberster concept, che aveva riscosso un certo successo al Salone di Shanghai nel 2021. 

Fisker, nuovo costruttore di elettriche pronto a entrare sul mercato a fine anno con il suv Ocean, ha annunciato che il suo prossimo modello, nome in codice Ronjn, sarà una sportiva a cielo aperto che vedremo già nel corso del 2023. La sportiva sarà una cabrio a quattro porte e avrà, secondo quanto dichiarato, un’autonomia di 965 chilometri. E che dire della prossima Maserati Granturismo 100% elettrica? Arriverà come la generazione precedente anche in versione GranCabrio?

“Godersi la natura con la capote abbassata e con la spinta elettrica istantanea, ma silenziosa. Potrebbe evocare sentimenti di libertà completamente nuovi e straordinari”. Parola di Ralph Brandstätter, ex numero uno del marchio Volkswagen (oggi trasferito in Cina ad occuparsi delle operazioni nella Repubblica popolare dopo l’addio al gruppo del ceo Herbert Diess), che l’anno scorso ha pubblicato sul suo profilo LinkedIn un disegno della Volkswagen ID.3 in versione cabrio. “Lo ammetto, è un’idea molto attraente", scriveva il manager tedesco. "Stiamo riflettendo su come si potrebbe trasformare questo disegno in un veicolo reale e il nostro team di design ha già avuto qualche idea”.

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Ferrari SP3 Daytona, Bugatti W16 Mistral e Aston Martin DBR22. Tre hypercar da guidare a cielo aperto, anche con l'arrivo della stagione fredda

· di Edoardo Nastri

Una roadster 2+2 ad alte prestazioni, 100% elettrica e con un drone in dotazione. "E' solo un assaggio di ciò che possiamo progettare", dice il ceo Thomas Ingenlath

· di Paolo Odinzov

Nate nel 1934 dall'idea di un dentista francese, negli anni Duemila hanno conosciuto un vero boom di mercato per poi quasi sparire: troppo costose da produrre e vendere