Ultimo aggiornamento  30 gennaio 2023 09:13

Aston Martin, in arrivo 750 milioni di euro.

Paolo Borgognone ·

Ossigeno per la casse di Aston Martin. il costruttore britannico ha annunciato un piano per raccogliere 750 milioni di euro che serviranno a ridurne l’indebitamento e a investire in prodotti futuri. Principale finanziatore sarà il Fondo di Investimento Pubblico dell'Arabia Saudita (PIF) che acquisirà una partecipazione del 16,7% nella società attraverso un collocamento di azioni per un valore di oltre 90 milioni di euro. Ai sauditi andranno anche due posti nel consiglio di amministrazione.

Inoltre il PIF parteciperà a un ulteriore sottoscrizione per un valore complessivo di poco meno di 400 milioni di euro insieme a Mercedes e al consorzio Yew Tree di proprietà dell’attuale maggiore azionista del marchio, Lawrence Stroll. Secondo il Financial Times, Aston Martin era in rosso per oltre 1,1 miliardi di euro al 31 marzo

Manovra sventata

Insieme a questo annuncio, comunicato alla Borsa di Londra, Aston Martin ha anche rivelato di aver rifiutato una proposta di investimento azionario da 1,5 miliardi di euro da parte del consorzio Atlas, composto da Geely e Investindustrial, definendola "un tentativo di acquisire una posizione di controllo e, in prospettiva, di maggioranza senza alcun premio pagato agli azionisti esistenti".

Passo avanti

Il principale azionista del marchio, Lawrence Stroll ha dichiarato: "L'annuncio di oggi segna l'ultimo successo nell'evoluzione di Aston Martin, il ripristino dell'attività e del bilancio che abbiamo ereditato e l'accelerazione del nostro potenziale di crescita a lungo termine. Sono lieto di dare il benvenuto al Fondo Pubblico d'Investimento come nuovo azionista di riferimento dell'azienda, accanto al mio consorzio. Abbiamo una visione comune e la nostra partecipazione congiunta a questo importante finanziamento strategico dimostra la fiducia nelle prospettive dell'azienda e l'impegno per il futuro successo di Aston Martin. Vorrei anche ringraziare Mercedes-Benz per il suo continuo sostegno e investimento e per la forte partnership a lungo termine che abbiamo”.

Per il magnate canadese, “questo è un evento che cambia le carte in tavola per Aston Martin, sostiene la realizzazione dei nostri piani strategici e accelera il potenziale di crescita a lungo termine. Trasforma il profilo di bilancio, liquidità e flusso di cassa e fornisce una maggiore chiarezza sul percorso per diventare stabilmente positivi e creare un valore significativo per gli azionisti".

In attesa di comunicare i risultati finanziari al 30 giugno 2022 - che saranno resi pubblici il prossimo 29 luglio - Stroll confermato che il primo veicolo completamente elettrico di Aston Martin probabilmente adotterà la tecnologia e una piattaforma Mercedes.

Tag

Arabia Saudita  · Aston Martin  · Gruppo Mercedes  · Lawrence Stroll  · PIF  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

La versione top del suv di Gaydon da 707 cavalli (di qui il nome) è stata avviata alle consegne in Inghilterra. Costa 189mila sterline (223mila euro) e tocca i 300 orari

· di Paolo Odinzov

Il presidente del marchio punta a vendere 10mila auto all'anno nel 2025 avvicinandosi ai numeri di Maranello, ma gli analisti non sono convinti riguardo alla solidità dell'azienda