Ultimo aggiornamento  28 gennaio 2023 04:40

Hyundai Ioniq 6, ecco i dati tecnici.

Edoardo Nastri ·

Dopo la presentazione del design a Londra è giunto il momento di conoscere alcune caratteristiche tecniche della Ioniq 6, il secondo modello nella gamma del marchio di elettriche di Hyundai. Tra i fondamentali c’è l’autonomia, arrivata a 610 chilometri dichiarati, 100 in più rispetto alla Ioniq 5 con cui condivide base tecnica e batterie.

“La ragione sta tutta nelle linee di questa vettura, appositamente studiate per rendere ogni volume a favore di aerodinamica”, spiega Simon Loasby in collegamento da Seoul, Corea del Sud, dove si trova il quartier generale di Hyundai. La Ioniq 6 è una berlina elegante con una linea del tetto fortemente discendente verso il posteriore per avvicinarla al mondo delle coupé.

Posteriore o integrale, due pacchi batteria 

La Ioniq 6 è disponibile con una gamma di propulsioni e trazioni differenti. L’allestimento top di gamma prevede un pacco batteria da 77,4 chilowatt, trazione integrale tramite due motori elettrici per una potenza combinata di 239 chilowatt (325 cavalli) e 605 newtonmetri di coppia per prestazioni da sportiva, grazie a uno 0-100 in appena 5,1 secondi. L'autonomia arriva a 610 chilometri. 

La versione con batteria standard monta un pacco batterie da 53 chilowatt ed è quella con maggiore efficienza (14 kWh/100km il consumo medio dichiarato per circa 400 chilometri di autonomia) se configurata con pneumatici da 18 pollici e trazione posteriore. L’architettura a 800 Volt utilizzata per la Ioniq 6 è la E-Gmp (riservata alle elettriche del gruppo Hyundai) e consente ricariche in corrente continua con potenze fino a 350 chilowatt.

"Prime consegne entro fine anno" 

“E’ la Hyundai più aerodinamica mai disegnata fino a oggi”, dice Loasby, precisando che il lavoro è stato svolto a stretto contatto con gli ingegneri e ha portato a scelte precise in termini di equipaggiamenti. Un esempio? “A differenza di quanto fatto per la 5, sulla Ioniq 6 abbiamo deciso di non installare i pannelli solari sul tetto: il grado di efficienza era già molto elevato e avrebbero aumentato il peso e compromesso l’abitabilità interna senza troppi benefici”.

La Ioniq 6 è dotata della funzione “Vehicle to Load” che consente di caricare qualsiasi dispositivo elettrico esterno: dagli strumenti per il campeggio ai computer, fino addirittura a un altro veicolo a zero emissioni o a bici e monopattini elettrici.

Per il capitolo consegne, “in Europa i pre ordini ordini della Ioniq 6 si apriranno nell’ultimo trimestre dell’anno, con primissime consegne previste già entro il 2022, anche se il cuore degli ordini inizierà nei primi mesi del 2023”, spiega Michael Cole, presidente e ceo di Hyundai Europe. “Questo modello contribuirà al nostro ulteriore sviluppo nel mondo elettrico. Previsioni per quest’anno? In Europa sarebbe un traguardo fantastico arrivare a sfondare il muro delle 100mila unità a batterie consegnate nonostante la crisi delle forniture”. 

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Un po' berlina e un po' coupè, la nuova elettrica della Casa coreana è "una streamliner dal futuro", come dice il capo del design. In Europa da inizio 2023