Ultimo aggiornamento  09 dicembre 2022 21:12

Usa, emissioni autostradali sotto il controllo degli Stati.

Redazione ·

“Un importante passo avanti nell'affrontare la parte riguardante la mobilità della sfida climatica”: così il segretario ai trasporti americano Pete Buttigieg ha commentato la proposta di legge appena presentata a Washington e che imporrebbe agli Stati Usa di monitorare e ridurre le emissioni di gas serra sulle autostrade federali.

La norma - se approvata - stabilirà un quadro nazionale per le amministrazioni locali che dovranno monitorare le emissioni di gas di scarico sulle “freeway”  e le “highway” e fissare obiettivi individuali per la loro riduzione. Un poco quello che già succede col Clean Air Act in California. "Il nostro approccio - sono state ancora le parole di Buttigieg - offre agli Stati la flessibilità di cui hanno bisogno per fissare i propri obiettivi in materia di emissioni, fornendo loro al contempo le risorse della legge bipartisan sulle infrastrutture del Presidente Biden per raggiungere tali obiettivi e proteggere le loro comunità”.

Un problema  nazionale  

Secondo l'Agenzia per la Protezione dell’Ambiente (Epa), i trasporti sono il principale responsabile delle emissioni di gas serra negli Stati Uniti: queste sono diminuite del 13% tra il 2019 e il 2020 a causa della riduzione dei viaggi dovuta alla pandemia di coronavirus, ma - valutando il trentennio 1990-2020 - sono invece cresciute di pari passo con l’incremento delle distanze percorse dai veicoli, aumentate del 30%.
 
Il Dipartimento dei Trasporti sostiene che la norma proposta aiuterebbe il settore a passare dall’essere la principale fonte di emissioni alla "parte più importante della soluzione", rendendo i dati comparabili tra gli Stati.

Pareri positivi

Il Senatore democratico del Delaware Tom Carper, presidente della Commissione per l'Ambiente e i Lavori Pubblici del Senato, ha dichiarato che il Congresso ha approvato un decennio fa l'obiettivo nazionale di rendere le autostrade del Paese più sostenibili dal punto di vista ambientale e ha incaricato il Dipartimento dei Trasporti  di istituire un sistema che consenta agli Stati di misurare le loro prestazioni. "Questa proposta soddisfa l'intento originario del Congresso di gestire le prestazioni e migliorare il funzionamento dei nostri programmi autostradali", ha detto Carper.

Parere favorevole arriva anche dagli ambientalisti: Deron Lovaas, avvocato del Natural Resources Defense Council, l'ha definita una "proposta di buon senso" che aiuterà gli Stati e i governi locali a "determinare come costruire un sistema di trasporti efficiente e resistente che possa servire a tutti noi per i decenni a venire”. Anche la National Association of City Transportation Officials ha dichiarato di appoggiare la norma, che, a suo dire, "uniformerà un insieme di dati incompleti provenienti da tutto il Paese in uno standard unificato".

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il Dipartimento dei trasporti approva il piano federale per realizzare colonnine di ricarica attraverso tutta l'America, "dalle metropoli alle aree rurali"

· di Redazione

Per gli esperti di Cox Automotive, quest’anno si venderanno in America 14,4 milioni di mezzi, meno che nel 2020, durante la pandemia. Problemi di scorte

· di Paolo Borgognone

Secondo i dati ufficiali, nel 2021, le vittime sono state 42.915, il 10,5% in più rispetto al 2020, il numero più alto dal 2005. Ora indaga una commissione parlamentare