Ultimo aggiornamento  02 luglio 2022 01:35

Stellantis, stop alla produzione a Melfi.

Redazione ·

Ancora una chiusura temporanea per l’impianto lucano di Stellantis a Melfi dove nascono in particolare alcuni modelli Jeep come Compass e Renegade e che garantisce lavoro a 7mila persone. Lo stabilimento, ha fatto sapere il costruttore in una comunicazione ai sindacati, rimarrà fermo dalle 22 di martedì 28 giugno fino a tutto sabato 2 luglio.

La causa, per l’ennesima volta, è la carenza di semiconduttori, un problema che i rappresentanti dei lavoratori, in un comunicato, definiscono “strutturale”. Nel corso del mese di giugno 2022 sono stati solo sette i giorni nei quali a Melfi si è lavorato a pieno regime.

Stellantis ha fatto sapere che uno stop simile a quello programmato in Basilicata riguarderà anche due suoi stabilimenti in Francia.

Le preoccupazioni

Nel dare la notizia dell’ennesimo fermo alle catene di montaggio, Marco Lomio, segretario generale della Uilm Basilicata, ha detto: “La cosa più drammatica è che, dopo un giugno così, anche luglio non si prospetta diverso”.

“Sono settimane - ha continuato il rappresentante sindacale - che come organizzazione ripetiamo che è indispensabile la creazione di una agenzia degli approvvigionamenti che possa garantire lavoro all’intera filiera produttiva sulla quale si stanno creando danni incalcolabili. I lavoratori sono allo stremo e le piccole aziende rischiano di non superare questo momento”.

Tag

Crisi dei semiconduttori  · Melfi  · Stellantis  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Dopo l'incontro con Stellantis, la Fim Cisl delinea la road map per l’impianto italiano destinato agli accumulatori delle elettriche. Primi passi nel 2023, 2mila dipendenti nel...

· di Redazione

L'azienda ha concordato con i sindacati 480 uscite volontarie per il polo torinese. Chi aderirà al piano entro il 30 settembre avrà un bonus di 20mila euro