Ultimo aggiornamento  29 novembre 2022 08:24

Royal Enfield Scram 411, a tutto scrambler.

Antonio Vitillo ·

Abbiamo messo alla prova la nuova Royal Enfield Scram 411, la declinazione “scrambler” del modello “tuttoterreno” Himalayan. Medesimi sono il telaio Harris Performance e il motore; a cambiare la geometria della ciclistica, quindi le caratteristiche dinamiche, sono sia la minore escursione della forcella sia la riduzione del diametro della ruota anteriore, da 19 pollici invece che 21, cambiamenti che giovano all’agilità, soprattutto nei cambi direzione veloci. È fermandosi ai semafori che si nota un altro miglioramento, l’altezza della sella è tale da consentire più facili appoggi dei piedi a terra.

La potenza che basta

Più leggera di 5 chili rispetto all’Himalayan, l’ormai collaudato monocilindrico LS-410 fa dei suoi 24,3 cavalli un uso efficace, soprattutto ai medi regimi; elastico nell’erogazione, la potenza da l’idea di essere scarsa soltanto sulla carta: la Scram 411 è eventualmente capace di trarsi d’impaccio in ogni condizione dinamica le sia consentita, mentre, nel normale utilizzo, progredisce con fluidità e poche vibrazioni, grazie anche ai buoni innesti del cambio a cinque marce.

Anche per le gite fuoriporta

La frenata - che si affida a un disco per ruota e pinze Bybre associate all’impianto Abs – si dimostra sufficientemente potente, comunque adeguata a quelle rilassanti velocità che sulla Scram 411 fanno gustare pienamente la guida di una moto. Se il diporto urbano è il suo pane quotidiano, su una Scram i viaggi a breve-medio raggio diventano piacevoli digressioni del fine settimana, quando il serbatoio da 15 litri non fa sentire la necessità di rabboccare continuamente carburante. Le strade sterrate non le sono proibite: gli pneumatici hanno le coperture moderatamente tassellate, buone soprattutto su quelle superfici bianche che potrebbero fare da raccordo con scenari panoramici.

Stile da modern classic

La Scram 411 è comunque una moto attuale dal retrogusto “classic”, cosa che è comune a tutta la produzione della Royal Enfield; per esempio, sul faro di forma rotonda, c’è la strumentazione analogica, ma combinata ad un piccolo, moderno display digitale che da visibilità a informazioni di servizio essenziali. In più, il sistema di navigazione Royal Enfield Tripper è di serie. La Scram 411 è disponibile in cinque diverse varianti colori, i prezzi partono da 5.000 euro.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

La moto giapponese da turismo deriva da una “travel enduro” Africa Twin ed è pensata per muoversi con disinvoltura sui fondi sconnessi. Prezzi da 14.490 euro