Ultimo aggiornamento  02 luglio 2022 01:24

ACI, guida in sicurezza per il IX Reggimento degli Alpini.

Redazione ·

Tre giorni (13, 14 e 15 giugno) di guida in sicurezza per il IX Reggimento degli Alpini in collaborazione con l’Automobile Club l’Aquila e gli istruttori ACI Ready2Go presso l’Aeroporto dei Parchi a L’Aquila. Si tratta del secondo progetto realizzato dall’ACI in collaborazione con la Brigata Taurinense. Obiettivo: formare e sensibilizzare il personale dell’Esercito sulle principali tematiche dell’educazione stradale.

Due i cicli quotidiani di formazione del progetto aquilano (2 ore di teoria e 2 di pratica), che ha coinvolto oltre 200 militari del IX Reggimento Alpini nei giorni 13,14 e 15 giugno 2022. Nel corso della parte teorica sono stati affrontati i concetti utili a prevenire un incidente stradale: a partire dal rispetto dei limiti di velocità, della sicurezza attiva e passiva, fino ad arrivare alla necessità di mantenere sempre la massima concentrazione al volante. La parte pratica, invece, è iniziata illustrando la corretta posizione di guida, per poi affrontare lo slalom dinamico, l’utilizzo del dispositivo Abs e alcuni esercizi su fondo a scarsa aderenza con evitamento dell’ostacolo.

"Prevenzione prima di tutto"

“L’ACI da tempo investe sulla prevenzione. Come Ente Pubblico non economico, infatti, collabora con diversi Ministeri proprio per fornire quelle preziose informazioni volte a evitare un incidente stradale – ha dichiarato Gerardo Capozza, Segretario Generale dell’Automobile Club d’Italia. Il nostro interesse è quello di essere sempre più vicini ai cittadini e agli automobilisti, per questo motivo riserviamo molte risorse soprattutto a beneficio dei giovanissimi. Non a caso stiamo intensificando la rete capillare che abbiamo sul territorio nazionale e i corsi di guida sicura per i neopatentati, sono fondamentali per far comprendere loro come affrontare in maniera corretta le insidie che potrebbero incontrare sulla strada”.

“La collaborazione tra ACI e Truppe Alpine dell'Esercito è nata da un’iniziativa della Brigata Alpina Taurinense ed è stata compiuta grazie al Reggimento Logistico Taurinense - ha dichiarato il Generale di Divisione Massimo Biagini, Vice Comandante per il Territorio delle Truppe Alpine - mirando a sensibilizzare oltre 500 nostri militari circa i principali rischi della strada, oltre che sulle pratiche scorrette alla guida, attraverso apposite sessioni teorico-pratiche e diversi esercizi avvalendosi anche dei più moderni dispositivi di sicurezza".

Ti potrebbe interessare

· di Viola Selavi

Il particolare periodo che stiamo vivendo e la nuova mobilità urbana implicano rischi potenziali differenti ed è ancora più importante acquisire competenze aggiuntive alla guida