Ultimo aggiornamento  27 novembre 2022 04:01

Ford: metalli a impatto zero.

Redazione ·

La sostenibilità ambientale dell’industria passa anche attraverso l’impegno dei grandi nomi per l’utilizzo di materiali che rilascino una limitata impronta di carbonio, compresi i metalli utilizzati nel settore automotive: Ford ha deciso, in proposito, di aderire alla First Mover's Coalition, un'iniziativa guidata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e dal World Economic Forum che comprende più di 30 grandi aziende a livello mondiale, impegnate a sfruttare il loro potere d'acquisto e le catene di rifornimento per creare i primi mercati per le tecnologie innovative dell'energia pulita.

Con questa scelta, Ford si impegna a far sì che almeno il 10% di tutto l'acciaio acquistato ogni anno sia a emissioni quasi zero entro il 2030 e che almeno il 10% di tutto l'alluminio primario sia a una soglia di intensità di carbonio quasi zero o inferiore entro il 2030.

"Il nostro impegno all'interno dell'Accordo di Parigi è stato solo l'inizio dell'ambizione di Ford di raggiungere la neutralità delle emissioni. Lavoriamo per sviluppare materiali e tecnologie necessarie a creare un futuro pulito", ha dichiarato Chris Smith, responsabile degli affari governativi di Ford. "Siamo orgogliosi di essere la prima casa automobilistica statunitense ad aderire alla First Movers Coalition e di collaborare con partner globali per continuare a ridurre la nostra impronta ambientale e soddisfare le aspettative dei nostri clienti”.

Sforzo possibile

Ford sta lavorando per raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio a livello globale - attraverso i veicoli, le operazioni e la catena di fornitura - entro il 2050, sostenuta da obiettivi intermedi basati su dati scientifici che saranno raggiunti entro il 2035. 

"Ridurre le emissioni a zero entro il 2050 è possibile se investiamo nelle tecnologie giuste e le portiamo su scala entro il prossimo decennio", ha detto Cynthia Williams, direttore globale sostenibilità, omologazione e conformità. "Unendosi alla First Movers Coalition, Ford sta segnalando al mercato la volontà di lavorare insieme per creare acciaio e alluminio verdi commercialmente validi”.

Grandi investimenti

Ford prevede di investire più di 50 miliardi di dollari a livello globale dal 2022 al 2026 per sviluppare veicoli elettrici e batterie. L'azienda si è impegnata a farlo partendo da alcuni degli stabilimenti automobilistici più avanzati ed efficienti al mondo, creando migliaia di nuovi posti di lavoro e costruendo una catena di approvvigionamento sostenibile ed etica.

In occasione della COP26, Ford ha aderito a RouteZero, una coalizione internazionale per ridurre il riscaldamento globale impegnandosi a rendere le vendite di tutte le nuove auto e furgoni a zero emissioni entro il 2040 ovunque, e non oltre il 2035 nei mercati principali.

Per quanto riguarda l'Europa, l'azienda ha annunciato a marzo l'obiettivo di azzerare le emissioni per tutte le vendite di veicoli nella regione e garantire la neutralità delle emissioni di carbonio in tutta l'impronta europea di strutture, logistica e fornitori entro il 2035.

Tag

COP26  · First Mover's Coalition  · Ford  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Per realizzare l'obietttivo dei 600mila veicoli a batteria entro il 2023, il costruttore Usa ratifica intese col produttore di accumulatori Catl e l’estrattore di litio Rio Tinto

· di Paolo Borgognone

La riduzione delle emissioni di gas serra, comprese quelle legate ai trasporti privati, è tra i temi caldi della conferenza sul clima al via a Glasgow