Ultimo aggiornamento  03 dicembre 2022 03:51

La Formula E ricomincia dalla Gen3 (VIDEO).

Angelo Berchicci ·

Una monoposto con un software in grado di aggiornarsi da remoto e priva di freni posteriori. Dettagli che fanno capire quanto sia di rottura con il passato la terza generazione delle vetture elettriche che prenderanno parte al campionato di Formula E, a partire dalla stagione 2022/2023. Presentate ufficialmente nella cornice dello Yacht Club di Montecarlo, le cosiddette "Gen3" portano a livelli mai visti prima l'efficienza e le capacità rigenerative del powertrain, ma anche potenza e prestazioni si annunciano da primato.

Un concentrato di tecnologia

Esteticamente le nuove auto da corsa elettriche sembrano avvicinarsi alle altre monoposto delle massime categorie FIA: sono più snelle e compatte di prima, i parafanghi lasciano il posto a una tipica silhouette a ruote scoperte, con un corpo vettura a forma di freccia, dichiaratamente ispirato a quello dei jet militari. Sul piano aerodinamico, l'ala anteriore ha dimensioni importanti mentre quella posteriore è quasi assente, sostituita da due flap verticali. Il comparto aerodinamico è stato pensato per favorire i sorpassi e per adattarsi al meglio ai circuiti cittadini su cui le vetture dovranno sfidarsi.

Se l'aspetto sembra più convenzionale e meno da "Batmobile" rispetto al passato, sotto la pelle le vetture sono dei veri e propri concentrati di innovazione. A partire dal powertrain a doppio motore elettrico, uno sull'asse posteriore e uno - grande novità - su quello anteriore, che permette alla vettura di erogare  350 kilowatt (470 cavalli) di potenza, ovvero 100 kilowatt in più rispetto a quella attuale, ma soprattutto di raggiungere una capacità rigenerativa di ben 600 kilowatt

Una cifra che è circa il doppio rispetto ai numeri dei più potenti sistemi di ricarica attualmente in commercio, e che consentirà alle monoposto di generare autonomamente il 40% dell'energia necessaria per concludere la gara. Per questo motivo è stato possibile eliminare l'impianto frenante tradizionale sull'asse posteriore e ridurre le dimensioni dei nuovi accumulatori, andando a far scendere il peso della monoposto di circa 60 chili (per un totale di 840 chili). 

Sostenibilità a tutto tondo

Aumenta invece la velocità massima raggiungibile dalle vetture, ora di 320 chilometri orari, e l'efficienza dei motori elettrici, che adesso sfiora il 95% (rispetto al 40% circa di un motore a combustione interna), quasi azzerando l'energia dissipata dal sistema. La Gen3 è inoltre la prima auto da corsa in grado di aggiornarsi "over the air": tutti i miglioramenti che verrano messi a punto negli anni potranno essere installati da remoto, tramite un aggiornamento del software, una novità resa possibile dal sofisticato sistema operativo su cui si basa la vettura. 

La monoposto setta nuovi standard di riferimento anche sul piano della sostenibilità a tutto tondo: le batterie, realizzata dalla Williams Advanced Engineering, sono ingegnerizzate per essere facilmente riciclate a fine vita, così come il corpo vettura sarà composta da fibra di carbonio recuperata dalle attuali monoposto. Infine, la Hankook, che subentra a Michelin come fornitore unico degli pneumatici, ha promesso di creare una mescola che impiega almeno il 26% di gomma proveniente dalle precedenti vetture. 

La Gen3 sarà portata in pista per i primi test in inverno e schierata a partire dalla prossima stagione del campionato di Formula E, i cui iscritti per ora sono DS Automobiles, JaguarMahindra Racing, Nio, Nissan, Porsche e la nuova arrivata Maserati, che debutterà nella serie proprio con la nuova monoposto.

Tag

FIA  · Formula E  · Gen3  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

La Scuderia di Woking ha annunciato l'ingresso nel campionato di monoposto elettriche a partire dalla stagione 2022/2023. Rimane l'impegno in F1

· di Redazione

Il circuito di Campagnano ha portato all’Eur oltre 400 persone tra cui i 285 commissari di gara. Messe a disposizione anche due navette 100% a batteria

· di Redazione

L'appuntamento italiano del Mondiale a zero emissioni torna nella Capitale sabato 9 e domenica 10 aprile. Attesa per l'italiano Antonio Giovinazzi