Ultimo aggiornamento  01 febbraio 2023 01:30

Germania, stretta sugli incentivi in arrivo.

Redazione ·

Il ministero dell'economia tedesco vuole terminare gli incentivi dedicati alle auto ibride plug-in prima di quanto previsto, cioè alla fine di quest’anno, e ridurre di un terzo quelli per i veicoli elettrici a partire dal 2023.
Il progetto - per ora non definitivo - fa parte di un programma inteso a orientare le sovvenzioni più verso la protezione del clima: la legislazione in proposito è attualmente in discussione presso i vari ministeri competenti del governo, stando a quanto riporta il quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Secondo le proposte del ministero, il sussidio fino a 4.500 euro per gli ibridi plug-in verrebbe eliminato e quello per le auto elettriche scenderebbe a 4mila euro il prossimo anno, dai 6mila attuali, per poi calare ulteriormente a 3mila per il 2024 e 2025.

La coalizione “semaforo” al governo a Berlino aveva inizialmente concordato di fornire sostegno solo fino al 2023 per le auto ibride che sono considerate avere "un impatto positivo sul clima" e fermare le sovvenzioni completamente entro la fine del 2025. "Vogliamo focalizzare meglio il nostro aiuto alle auto elettriche e concentrarci di più sulla protezione del clima", ha dichiarato il ministro dell'economia Robert Habeck, membro del partito dei Verdi al gruppo di media Funke. "Secondo noi, gli ibridi plug-in non hanno più bisogno di finanziamenti pubblici".

La reazione dell'industria

L'industria si è opposta ai previsti tagli agli aiuti. La fine anticipata delle sovvenzioni per gli ibridi plug-in "metterebbe in pericolo il ramp-up della mobilità elettrica e ignorerebbe le realtà dei consumatori in Germania", ha detto giovedì in una dichiarazione Hildegard Mueller, che dirige l'associazione dei costruttori Vda. "Gli ibridi plug-in servono da apripista per la transizione". Mueller ha anche lamentato il fatto che gli aiuti siano legati alla data di consegna dei veicoli, creando incertezza sul conto finale per gli acquirenti che spesso sono costretti ad  aspettare molti mesi per l’auto, a causa di problemi nella catena degli approvvigionamenti.

Le proposte del ministero controllato dai Verdi hanno anche provocato la reazione di uno dei partner di governo del partito, i liberal-democratici. "La coalizione non dovrebbe deviare dal suo piano originale di sovvenzioni, perché gli ibridi plug-in contribuiscono anche al raggiungimento degli obiettivi climatici" ha detto Bernd Reuther, portavoce della politica dei trasporti per la FDP. "Dobbiamo rendere il passaggio a questi veicoli il più attraente possibile e sovvenzionarli di conseguenza", ha detto l'esponente politico al giornale Rheinische Post.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Secondo il quotidiano Handesblatt il ministro dei trasporti Volker Wissing vorrebbe portare a 10.800 euro i sussidi per le vetture elettriche che ne costano fino a 40mila

· di Paolo Odinzov

Nella sfida commerciale tra Bmw, Volkswagen e Mercedes, il gruppo bavarese è stato l'unico a crescere nelle vendite, salendo dell'8,4% rispetto allo scorso anno