Ultimo aggiornamento  06 dicembre 2022 15:17

Honda Civic e:Hev, l'ora dell'ibrido.

Angelo Berchicci ·

La Honda Civic è uno dei modelli che ha permesso all’occidente di scoprire l’industria automobilistica giapponese. Lanciata per la prima volta nel 1972, ne sono stati venduti 27,5 milioni di esemplari in tutto il mondo ed è diventata una costante nella gamma Honda. Dopo 50 anni e 11 generazioni, la Civic si rinnova completamente, convertendosi al trend dell’elettrificazione.

La nuova serie della compatta Honda, infatti, è disponibile per la prima volta con un powertrain full hybrid (l’unica motorizzazione prevista in Europa), che permette alla Casa di chiudere il cerchio, completando una line-up in cui tutti i modelli adottano una propulsione ibrida o elettrica.

Uno schema originale

Sotto il cofano della nuova Civic troviamo il particolare schema full hybrid sviluppato da Honda, individuato dalla sigla e:Hev. Il sistema di funzionamento è analogo a quello visto sulle precedenti Jazz, HR-V e CR-V, e prevede un propulsore termico abbinato a un motore elettrico, che nella guida in modalità ibrida è l’unico a spingere le ruote, mentre l’unità a benzina produce solo energia.

Alle alte velocità il compito di muovere l’auto viene demandato al motore endotermico, grazie a una trasmissione a rapporto fisso. Come tutte le full hybrid, inoltre, vi è la possibilità di procedere a zero emissioni per brevi tratti, tipicamente nei tragitti urbani, nonché il vantaggio di non dover ricaricare la batteria. I passaggi da una modalità di funzionamento all’altra avvengono in automatico, e in questo modo Honda sostiene di poter offrire sempre il tipo di trazione più efficiente in base alle condizioni di utilizzo.   

Design sportivo

Sulla Civic il sistema e:Hev è composto da un 2.0 quattro cilindri a iniezione diretta di benzina e ciclo Atkinson, da un’unità elettrica e da una batteria agli ioni di litio da 72 celle, per una potenza di sistema di 180 cavalli e 315 Newtonmetri di coppia. Grazie a questo powertrain la nuova Civic promette emissioni di CO2 inferiori a 110 grammi/chilometro e consumi di circa 5 litri/100 chilometri nel ciclo Wltp (dati non ancora definitivi).

Esteticamente la vettura si presenta come una berlina a 2 volumi di tipo fastback, ovvero con lunotto molto inclinato. Il design è profondamente mutato rispetto alle precedenti generazioni della Civic, e ora adotta un look più semplice e discreto. Anche se le linee della nuova Civic sono meno cariche di elementi, la vettura continua ad avere un aspetto sportivo, grazie ai sottili proiettori che si sviluppano orizzontalmente, dotati di firma luminosa a led, e alla zona posteriore in stile coupé.

Qualità e sicurezza

L’auto ha una lunghezza di 4,55 metri, ovvero 3 centimetri in più rispetto alla precedente versione. L’aumento di dimensioni esterne è stato trasferito interamente sul passo, a vantaggio dello spazio per le ginocchia degli occupanti posteriori, che risulta abbondante. Viaggia un po’ sacrificato il passeggero centrale, per via del tunnel piuttosto pronunciato, mentre lo spazio per la testa di chi siede dietro non è da record, un compromesso necessario vista la forma molto inclinata del tetto.

La capienza del bagagliaio è di 410 litri, nella media della categoria (anche se rispetto alla precedente generazione si perdono 60 litri). Il piano di carico, tuttavia, non è perfettamente piano ma presenta un lieve rialzo in prossimità dello schienale dei sedili.

Curati e realizzati con materiali di qualità gli interni, dove spicca lo schermo touchscreen da 9 pollici dell’infotainment, compatibile con Apple CarPlay e Android Auto in modalità wireless. Sul piano della sicurezza troviamo 11 airbag, oltre all’ultima generazione della suite di sistemi Adas Honda Sensing, che si arricchisce di quattro sensori sonar. La nuova Civic arriverà nelle concessionarie a partire da settembre con prezzi ancora in via di definizione.

Tag

Civic  · Honda  · Honda Civic  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

La Casa giapponese ha annunciato in Cina l'arrivo dei modelli e:NS1 ed e:NP1. Fanno parte di un programma che prevede il lancio nel Paese di 10 auto a batteria entro il 2027

· di Redazione

I due costruttori confermano l'arrivo - dal 2027 - di una serie di crossover elettrici “a basso prezzo”, sotto i 30mila dollari, che utilizzeranno le batterie Ultium