Ultimo aggiornamento  06 dicembre 2022 14:43

Ford, addio alle divisioni continentali.

Edoardo Nastri ·

Ford dice addio alla divisione europea, come a quelle delle altre Region. La ristrutturazione delle unità di business del costruttore americano ha previsto che Ford Europe non sarà più una realtà separata all’interno del gruppo a partire dal 2023. La decisione segue il piano che ha stabilito cinque nuove divisioni: Ford Blue (per i veicoli termici), Model e (per le elettriche), Pro (commerciali), Drive (mobilità del futuro) e Credit (servizi finanziari).

Secondo quanto dichiarato da John Lawler, direttore finanziario di Ford, "le aree geografiche rimarranno ancora molto importanti per noi, ma dal prossimo anno ci concentreremo maggiormente sulle unità di business per tematiche”. Ciascuna delle unità riporterà i propri risultati finanziari, mentre a Stuart Rowley, attuale presidente di Ford Europe, è stato affidato un ruolo aggiuntivo. Il manager riporterà direttamente al ceo Jim Farley come responsabile della trasformazione e della qualità per la divisione Ford Blue.

Obiettivo, creare maggior valore

La decisione di organizzare la società in nuove divisioni è stata presa per creare un maggior valore per le rispettive unità di business. “Ford Model, ad esempio, sarà in grado di produrre lo stesso entusiasmo di qualsiasi concorrente produttore di veicoli elettrici puri, ma con economie di scala e risorse che nessuna startup potrebbe mai eguagliare”, ha dichiarato Rowley.

Ford Blue si concentrerà al rafforzamento dei veicoli più importanti di Ford, investendo in nuovi modelli, esperienze e servizi pur realizzando un taglio netto dei costi che raggiungerà i 3 miliardi di dollari. Ford Europe scompare così dalla scena: il centro di sviluppo di Dunton (Regno Unito) si concentrerà sui veicoli commerciali rientrando sotto Ford Pro, mentre lo stabilimento di Colonia (Germania) lavorerà sui veicoli elettrici della divisione Model e. 

Tag

Business  · Ford  · Ford Blue  · Ford Europa  · Ford Europe  · Ford Model e  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Nascono due divisioni differenti, “Model e” dedicata allo sviluppo dell’elettrico, e “Blue” che si concentrerà sul rendere redditizi i motori tradizionali