Ultimo aggiornamento  27 novembre 2022 13:20

Ford W Track, in pista per la parità di genere.

Carlo Cimini ·

MONZA - Sia nel mondo reale che anche in quello dei videogiochi, l'universo femminile è ancora troppo spesso penalizzato, discriminato e colpevolmente etichettato come "sesso debole". In occasione della Giornata Internazionale della Donna - l'8 marzo - Ford Italia, in partnership con l'Autodromo Nazionale Monza e Assetto Corsa, lancia un messaggio importante modificando parte dello storico Tempio della Velocità: al posto di uno dei rettilinei sono state inserite delle chicanes - che scrivono sull'asfalto la parola “Woman” - per dimostrare quanto sia più complesso e difficile il percorso che una ragazza deve compiere per raggiungere i propri obiettivi.

All'evento sul circuito brianzolo hanno partecipato personalità del mondo istituzionale, sportivo e automotive: Fabrizio Faltoni presidente di Ford Italia, Alessandra Zinno direttore generale Autodromo Nazionale Monza, Giuseppina Fusco vice presidente dell'Automobile Club d'Italia e presidente AC Roma, Enrico Gelfi fondatore osservatorio italiano E-sports, Valerio Piersanti di Kunos Simulazioni e Letizia Caccavale presidente del Consiglio per le Pari Opportunità del Consiglio regionale della Lombardia. E si è aggiunto al dibattito anche il presidente dell'AC Milano Geronimo La Russa.

"Promuovere l'inclusività"

Da questi presupposti nasce “The W Track”, il progetto sviluppato da Ford Italia orientato alla parità di genere nel settore del sim-racing, che si concretizzerà nella realizzazione della Ford W University: delle giornate di corsi di guida sportiva su pista reale e virtuale riservate alle donne, con il supporto dei team di piloti della Ford Driving University e dei migliori sim-racers professionisti.

"Un progetto che trascende sé stesso e lancia un messaggio importante, volto a promuovere l’inclusività e la parità di genere, aprendo un varco d’accesso universale a uno dei mondi più competitivi e divertenti di sempre, quello degli eSports”, ha affermato Fabrizio Faltoni. "Il fatto che ci sia solo una donna nel Team Fordzilla è una nostra mancanza. Sappiamo che le future pro-gamers sono là fuori ma non le abbiamo cercate abbastanza. È chiaro che dobbiamo fare le cose in modo diverso. Non possiamo vincere la corsa senza nemmeno iniziarla e per questo abbiamo deciso di scendere in pista organizzando delle giornate di training dedicate alle donne".

"Abbattere barriere"

Negli ultimi anni, infatti, si è registrato un aumento significativo delle donne nel mondo del sim-racing, ma non abbastanza da essere rappresentativo, se si considerano le competizioni professionali dove, invece, è preponderante la presenza maschile, di età compresa tra 21 e i 34 anni. La disparità di genere si accompagna a situazioni di deficit in cui l’universo femminile è costretto a confrontarsi continuamente nel mondo del lavoro e nelle discipline sportive. In diversi ambiti si assiste ancora a una sottorappresentazione delle donne in posizioni di vertice, con un divario salariale di genere che sembra essere ormai diventato fisiologico.

“La partnership con Ford e Assetto Corsa nasce dalla sintonia e da unità di vedute su questi temi. Si tratta di progetto di rilevanza sociale che può diventare un punto di partenza per lo sviluppo futuro di altre proposte condivise”, ha commentato Alessandra Zinno. "Crediamo che il mondo degli eSports possa rappresentare un modo coinvolgente per abbattere barriere per il mondo femminile che non hanno ragione d’esistere”, ha aggiunto Valerio Piersanti.

A sostegno di questo, Ford si concentra sull’aumento della retribuzione femminile e sulla creazione di una cultura in cui le donne non siano costrette ad affrontare un maggior numero di ostacoli, rispetto ai loro colleghi uomini, nella loro ascesa professionale. In questo ambito si inserisce il progetto "Women of Ford", creato dal costruttore attraverso la formazione di un gruppo di dipendenti che lavora unicamente allo scopo di soddisfare le esigenze delle donne e la loro crescita professionale in ambito aziendale.

Ti potrebbe interessare

· di Linda Capecci

L'ex Uber Raquel Urtasun - esperta di intelligenza artificiale e sistemi driverless - ha lanciato Waabi, start up dedicata ai veicoli pesanti autonomi

· di Linda Capecci

Pilota 16enne, metà belga e metà olandese, si mette in luce nell'atto conclusivo del programma FIA "Girls on Track – Rising Stars": correrà la prossima stagione in Formula 4