Ultimo aggiornamento  06 dicembre 2022 15:25

Biden: "Elettrificheremo l’America".

Paolo Borgognone ·

Il piano è quello di elettrificare l’America, finanziando con soldi pubblici la creazione di un network di 500mila punti di ricarica per vetture a zero emissioni, un progetto per il quale sono pronti stanziamenti per 5 miliardi di dollari, a cui se ne dovrebbero aggiungere altri 2,5 in un secondo round previsto entro la fine dell’anno in corso.

Lo ha detto - confermando quanto espresso più volte durante a sua campagna elettorale - il presidente americano Joe Biden parlando al Congresso durante il tradizionale discorso sullo stato dell’Unione. In questa occasione l’inquilino della Casa Bianca ha ribadito che i veicoli a batteria possono essere il motore di una rinascita della produzione interna statunitense e ha parlato di crediti d'imposta sugli investimenti per climatizzare le case e rendere le imprese più efficienti dal punto di vista energetico, oltre a chiedere che la nazione raddoppi la sua produzione di energia pulita, compresi l'eolico e il solare.

Biden ha chiesto di abbassare il prezzo dei veicoli elettrici, per favorire una scelta che per i cittadini significa "risparmiare in media altri 80 dollari al mese che non dovrai mai pagare alla pompa". Il presidente ha anche lodato, ancora una volta, le aziende che scelgono di costruire nuove fabbriche negli Stati Uniti e ha sottolineato gli investimenti di 11 miliardi di dollari di Ford Motor e 7 miliardi di dollari di General Motors anche per le elettriche. Nessun accenno è stato fatto a Tesla.

Situazione in divenire

Le vendite di veicoli elettrici leggeri negli Stati Uniti sono quasi raddoppiate l'anno scorso, aumentando dell'85%, mentre quelle degli ibridi plug-in sono cresciute del 138%, secondo una nuova analisi del Vehicle Technologies Office del Dipartimento dell'Energia.

Nonostante questi numeri, alcuni esperti dicono che c’è ancora tanto da fare per raggiungere l'obiettivo di Biden di metà delle vendite di nuovi veicoli elettrici in meno di un decennio. "Non credo che arriveremo al 50% entro il 2030, l'obiettivo federale, ma penso che otterremo un numero abbastanza buono", ha detto il direttore esecutivo del Fuels Institute (un gruppo di ricerca specializzato) John Eichberger che ha ricordato come le Case si siano dovute destreggiare con le interruzioni della catena di approvvigionamento. ”Ma le offerte sono previste significativamente in  aumento nel 2022, forse a 100 o più modelli elettrici negli Stati Uniti, da alcune stime”.

Il Fuels Institute prevede che gli Usa avranno bisogno di un mix di 1,8 milioni di caricabatterie pubblici a corrente diretta veloce e caricabatterie di livello 2 entro il 2030. “Convincere i consumatori a passare all'elettrico significa costruire sufficienti punti di ricarica”, ha sostenuto Eichberger. "Non solo abbiamo bisogno di fare l'infrastruttura, abbiamo bisogno di dire alla gente che questa esiste. Hanno bisogno di vederla, sperimentarla ed ssere rassicurati. Questo richiederà probabilmente una sovra-costruzione del mercato, rispetto a ciò che è effettivamente necessario, per fornire ai clienti la garanzia che non rimarranno mai bloccati". L'imminente finanziamento federale "è importante perché dà quel calcio d'avvio, necessario", ha concluso Eichberger.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il costo medio al gallone è raddoppiato a oltre 5 dollari nel Paese paradiso di grossi suv e pick up. Ecco cosa sta succedendo fra interventi federali e soluzioni locali

· di Paolo Borgognone

Governo, autorità locali e responsabili di grandi imprese del settore si riuniscono a Washington per sbloccare l’impasse. “Migliaia di posti a rischio nel comparto auto”

· di Redazione

Dopo anni di opposizione, il ceo del costruttore invita la Uaw a tenere un voto nell’impianto di Fremont, California. “Non faremo nulla per fermarli”

· di Redazione

Nascono due divisioni differenti, “Model e” dedicata allo sviluppo dell’elettrico, e “Blue” che si concentrerà sul rendere redditizi i motori tradizionali