Ultimo aggiornamento  27 novembre 2022 02:07

Elettriche, Detroit (ri)conquista Wall Street.

Paolo Borgognone ·

Gli alti e bassi in Borsa sono un classico al quale anche gli investitori più incalliti sono abituati. Un fenomeno di questo genere ha interessato negli ultimi anni i costruttori di auto, in particolare quelli di Detroit, Ford e Gm. Per un lungo periodo l’interesse dei risparmiatori sui marchi storici si è raffreddato, mentre l’attenzione si concentrava soprattutto sulle aziende e le start up che hanno iniziato la corsa alla elettrificazione.

Il discorso vale per Tesla, naturalmente, ma anche per molte altre aziende più piccole e più indietro nella realizzazione dei veicoli, come Lordstown, Faraday Future e altre. Società che hanno, in alcuni casi, avuto problemi anche con l’autorità di controllo della Borsa - la Sec - se non addirittura con i tribunali. Problemi che si sono aggiunti a quelli che conosciamo, crisi del mercato, pandemia, deficit di materie prime, difficoltà di approvvigionamento.

Cambio di scenario

Chi studia il fenomeno ha notato dei cambiamenti: “dall'inizio dell'anno. E' in atto uno spostamento dei flussi di fondi dai nomi più speculativi e in crescita, molte delle nuove aziende che producono auto elettriche, e una sorta di rivalutazione dei costruttori tradizionali", ha detto Garrett Nelson, un analista azionario presso Cfra Research. "Penso che Wall Street stia ora guardando a Detroit -  aziende mature con basse prospettive di crescita - e veda un'opportunità di rivalutazione di quei business man mano che la loro quota di mezzi a batterie aumenta".

Gli esperti indicano Ford in particolare come un buon esempio di questa tendenza. Quello dell’Ovale blu è stato il titolo nel settore a quattro ruote più performante del 2021, con un'impennata di circa il 138%. Nel frattempo, le azioni di Gm il 4 gennaio scorso hanno registrato il loro prezzo di chiusura più alta di sempre - 65,74 dollari - da quando l’azienda è uscita dai suoi guai finanziari oltre un decennio fa. Il cambiamento è evidente, anche se - nelle ultime settimane - le azioni di entrambe le case automobilistiche sono scese di nuovo, a causa di rapporti sui guadagni che hanno deluso alcuni investitori e che entrambe devono ancora mettere in pratica gran parte dei loro piani, con pietre miliari cruciali che incombono fino alla metà del decennio. Eppure, per gli esperti, la narrazione è cambiata significativamente.

"Penso - ha detto Sam Abuelsamid, un analista di e-mobility a Guidehouse Insights -  che ciò che i mercati hanno visto negli ultimi sei, nove, dodici mesi, almeno per le case automobilistiche tradizionali che pensavano che sarebbero state improvvisamente sommerse da tutti questi nuovi arrivati che si concentravano sui veicoli elettrici, è che l'industria sembra girare molto più velocemente di quanto Wall Street si aspettasse”.

Tra impegni e dubbi

Secondo molti, un passaggio fondamentale è stato quello per cui - negli ultimi due anni - Ford, Gm e altri costruttorie tradizionali hanno preso provvedimenti per sostenere le loro catene di fornitura per vetture elettriche, confermando l’intenzione di scommettere si questa transizione: "Una delle cose che, per i mercati finanziari, dimostra la serietà delle case automobilistiche in questo passaggio è il fatto che non stanno solo annunciando questi veicoli elettrici, ma stanno anche investendo pesantemente nell'intera catena di approvvigionamento, nella produzione di batterie, e lungo la linea di materie prime e alcuni dei materiali intermedi che sono necessari per produrre accumulatori e altri componenti”, dice ancora Abuelsamid.

Anche degno di nota per gli investitori è che sia la ceo di Gm Mary Barra che quello di Ford Jim Farley dicono di vedere significative opportunità di crescita legate alla connettività digitale. General Motors prevede di raddoppiare le sue entrate a circa 280 miliardi di dollari entro il 2030 e di raggiungere margini di profitto tra il 12% e il 14% entro quel tempo, con servizi connessi e abbonamenti alla base di gran parte di quella crescita. Per Ford prevede, entro il 2030, i nuovi servizi connessi potrebbero valere più di 20 miliardi di dollari di entrate.

Non tutti gli investitori, tuttavia, sono convinti, almeno nel breve termine. Morgan Stanley, per esempio, ha declassato le azioni di Gm all'inizio di febbraio, preoccupata dalle prospettive della casa automobilistica per il 2022. La banca d'affari Jefferies a gennaio ha fatto scendere il rating di Ford a “hold", con l'analista Philippe Houchois  che ha sostenuto come sia "prematuro rivalutare i costruttori tradizionali per il loro progresso nell’elettrico dal momento che i guadagni rimangono per lo più guidati da carenze cicliche, i rendimenti restano marginali e la transizione è in gran parte un gioco a somma zero, inizialmente. Gli investitori sono molto scettici, specialmente su Gm e Ford, dopo tanti inciampi nell'ultimo decennio ma con i veicoli elettrici - la più grande trasformazione dell'industria automobilistica dagli anni ’50 -  Detroit sta per giocare un ruolo importante".

Tanti guai

L’altra faccia della stessa medaglia sono le difficoltà di alcune delle aziende giovani e rampanti che hanno attratto tanta attenzione negli ultimi anni. Quello di Tesla è stato trattato da Wall Street come un titolo tecnologico, anche se l’azienda vanti la stragrande maggioranza delle sue entrate provenienti dalla vendita di auto, e il successo della avventura di Elon Musk ha spinto un'ondata di investimenti in altre aziende solo elettriche che tentano di seguirne le orme. Tanto che nel 2021 complessivamente queste hanno raccolto una cifra superiore ai 15 miliardi di dollari, secondo i dati resi noti dal servizio di ricerca di Bloomberg.

Ma alcuni titoli - anche molto appetiti - sono crollati di recente. Rivian, visto come uno dei più promettenti concorrenti di Tesla, ha avuto la più grande offerta pubblica iniziale del 2021, raccogliendo circa 12 miliardi di dollari. L'azienda è sostenuta da Ford e Amazon, e ha un contratto per costruire veicoli di consegna per il gigante dell'e-commerce. Ma a causa delle sfide che si stanno presentando per aumentare la produzione, il mercato ha cancellato gran parte del valore post-Ipo dell'azienda, con il titolo che è sceso da un massimo di 127 dollari per azione alla chiusura del 16 novembre a meno di 70 a metà febbraio.

Lordstown Motors ha visto i suoi titoli crollare di fronte a numerose controversie e recentemente ha oscillato a meno di 4 dollari per azione. La casa automobilistica ha affrontato una denuncia di uno short-seller per aver ingannato gli investitori circa gli ordini che aveva per il suo Endurance e l'anno scorso è diventato il soggetto di un'indagine federale. Un'altra startup in difficoltà, Nikola, ha affrontato controversie tra cui l'accusa del suo fondatore con l'accusa di frode criminale relativa al business. Bloomberg ha riferito che la società ha pagato una sanzione civile di 125 milioni di dollari. Le sue azioni hanno chiuso a 7,92 dollari la scorsa settimana, in calo di quasi il 23% finora quest'anno e quasi il 90% dal suo prezzo di chiusura massimo.

Faraday Future è diventata pubblica tramite Spac nel 2021 e anch'essa è scesa negli ultimi mesi e ci sono stati forti tensioni interne con le dimissioni del presidente, Brian Krolicki, dopo che un'indagine interna ha scoperto che l'azienda potrebbe aver ingannato gli investitori sui preordini. Dalla fine dell'anno scorso, anche i titoli di Fisker Inc. e Lucid hanno avuto una tendenza al ribasso.

Tag

Ford  · General Motors  · Tesla  · Wall Street  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il Michigan, da sempre casa delle auto Usa, fatica ad attrarre nuovi investimenti per le fabbriche delle elettriche. Solo 9 su 70 pensano di aprire qui

· di Paolo Odinzov

La produzione della sportiva di Dearborn, erede della vettura che negli anni ’60 interruppe il dominio della Ferrari a Le Mans, terminerà a dicembre

· di Paolo Borgognone

Il presidente ospita un meeting alla Casa Bianca con i vertici delle aziende che sostengono il suo programma di elettrificazione. Ci saranno Ford e Gm ma non Elon Musk

· di Paolo Borgognone

Il costruttore annuncia un investimento da 7 miliardi di dollari su quattro dei suoi impianti nello stato d’origine. Previsti 4mila nuovi posti di lavoro, altri 1000 “conservati”