Ultimo aggiornamento  30 novembre 2022 01:31

Faraday Future, una "piccola" in arrivo.

Luca Gaietta ·

La start-up di auto elettriche californiana Faraday Future, fondata nel 2014 dall’imprenditore cinese Jia Yueting e quindi guidata dal dirigente automobilistico tedesco Carsten Breitfeld (ex Byton), ha annunciato che nel 2024 lancerà un'auto elettrica per il mercato di massa, prodotta a contratto dalla società sudcoreana Myoung Shin.

Riconquistare fiducia

Si chiamerà FF81 e si andrà a posizionare per prezzo e dimensioni sotto il crossover a batterie FF91, la cui produzione avrebbe dovuto cominciare nel 2019 ma è stata posticipata al terzo trimestre del 2022.

Negli ultimi tempi si sono susseguite diverse voci negative riguardo all’assetto finanziario della Faraday Future, più volte indicata sull’orlo del fallimento e coinvolta in un "affaire" legale per presunte false dichiarazioni agli investitori. Problemi che hanno portato a un ridimensionamento dei vertici precedenti e alla nomina di un nuovo presidente esecutiv, Susan Swenson. Questo, anche se lo scorso anno l'azienda ha raccolto alla borsa tecnologica statunitense Nasdaq capitali per circa un miliardo di dollari da investire nello sviluppo delle sue vetture.

Tecnologie avanzate

La FF81 secondo quanto riferito da Faraday Future porterà le tecnologie più avanzate nel segmento di lusso delle auto elettriche. Per adesso, tuttavia, tranne il posizionamento e ruolo che avrà nel mercato, non sono state diffuse informazioni riguardo ai contenuti tecnici del modello.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Ancora nuvole all'orizzonte del costruttore di elettriche: 140 dipendenti chiedono la rimozione del presidente esecutivo Susan Swenson

· di Paolo Odinzov

La startup californiana ha prodotto nel suo stabilimento di Hanford il primo esemplare della vettura, a breve in vendita con un listino vicino ai 200mila dollari

· di Redazione

Il costruttore Usa di auto elettriche annuncia che la FF81, la sua prima vettura "mass market", verrà costruita dalla Myoung Shin, a partire dal 2024