Ultimo aggiornamento  03 dicembre 2022 02:33

Bmw: è presto per la fine dei motori termici.

Paolo Odinzov ·

Durante una conferenza a porte chiuse tenuta al Bundestag, il Parlamento federale tedesco, dalla Csu (l'Unione Cristiano Sociale), il numero uno della Bmw, Oliver Zipse, ha affermato che a suo parere il mercato mondiale non è ancora maturo per la fine del motore a combustione interna e che non sarebbe saggio abbandonare questa tecnologia prematuramente, viste le conseguenze negative di una scelta del genere.

"La trasformazione deve svilupparsi con i mercati"

"L'elettromobilità e in rapida crescita, ma il più grande segmento di mercato in termini assoluti è di gran lunga ancora il motore a combustione in Germania, ma anche in Europa e nel mondo. Prima di spegnere semplicemente qualcosa del genere entro otto o dieci anni, devi sapere cosa stai facendo lì. Pertanto, mettiamo in guardia anche dal farlo troppo presto e dal non dare alla trasformazione una possibilità di svilupparsi con i mercati. Sarebbe dannoso rinunciare semplicemente - senza un effettivo bisogno - a una tecnologia in cui abbiamo globalmente una posizione di forza. Non credo aiuterebbe il clima o nessun altro”, ha detto il ceo.

Diesel e benzina più "puliti"

La determinazione di Bmw sulla questione è confermata anche da fatto che il costruttore sta lavorando su una generazione completamente nuova di motori a benzina e diesel a 6 e 8 cilindri, più efficienti di quelli che sostituiranno. Questo portando parallelamente avanti il processo di elettrificazione del gruppo, con lo sviluppo della piattaforma "Neue Klasse" che sarà alla base delle future vetture a batteria.

Tag

Bmw Group  · Oliver Zipse  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

Arrivata sulle strade nel 2013, la prima auto elettrica di serie del costruttore tedesco uscirà di produzione a luglio dopo 9 anni di vita e 250mila esemplari prodotti