Ultimo aggiornamento  06 dicembre 2022 15:05

Peugeot, orizzonte 2023.

Angelo Berchicci ·

Nonostante il contesto reso difficile dalla pandemia e dalla crisi dei semiconduttori, Peugeot ha chiuso un anno con risultati positivi. Le vendite della Casa francese sono cresciute del 5% a livello globale, e ora rappresentano circa il 20% delle consegne dell'intero gruppo Stellantis.

Posizione forte in Europa

Il costruttore si conferma uno dei brand più importanti in Europa, dove nel 2021 è entrato nella top 3 guadagnando 2 posizioni rispetto al 2020. Lo scorso anno nel Vecchio Continente la Peugeot 208 è stata la seconda auto più venduta dopo la Golf, la 2008 è stata la crossover più gettonata in assoluto, battendo un nome importante come la Volkswagen T-Roc, e la 3008 si piazzata al primo posto tra i suv di segmento C.

Nel complesso lo share del costruttore in Europa è aumentato rispetto al 2019, passando da 6,18% a 6,2%. Ma a colpire è soprattutto il salto fatto dalle elettrificate (vetture plug-in hybrid e 100% elettriche), che nel giro di 12 mesi sono aumentate di 2 volte e mezzo, per arrivare a rappresentare circa 1/4 del mix prodotto.

Italia secondo mercato

Per il brand del Leone l'Italia continua a ricoprire un ruolo fondamentale, dal momento che si tratta del suo secondo mercato dopo la Francia. Lo scorso anno il costruttore si è piazzato al quarto posto nel nostro Paese, guadagnando due posizioni e immatricolando 84.263 autovetture, in crescita del 3,2% sul 2020.

La Casa è seconda per quanto riguarda le vendite combinate di plug-in ed elettriche, che a inizio 2021 rappresentavano il 5% delle consegne Peugeot, mentre ora coprono oltre il 15%. Tra queste fanno particolarmente bene le elettriche: la e-208 è stata la seconda segmento B a batteria più venduta in Italia, mentre la e-2008 è stata la crossover a zero emissioni più gettonata in assoluto.

"Per il futuro ci aspettiamo di consolidare la nostra posizione in Italia. Vogliamo tornare a superare le 100mila unità, come ai livelli pre-covid (110.034 immatricolazioni nel 2019), e raggiungere un mix prodotto composto per almeno 1/5 da modelli elettrificati" commenta Thierry Lonziano, nuovo direttore del marchio Peugeot in Italia.

La 308 elettrica arriva tra un anno

Attualmente il 90% dei veicoli offerti da Peugeot (tra autovetture e commerciali leggeri) è disponibile in una variante elettrificata, percentuale che è destinata a salire al 100% entro il 2024. Dal 2030, inoltre, il brand commercializzerà esclusivamente auto elettriche in Europa, e in questa prospettiva assume particolare importanza l'arrivo - annunciato ufficialmente - di una versione a zero emissioni della nuova 308, modello che in versione endotermica e plug-in hybrid fa il suo debutto nelle concessionarie italiane proprio nel mese di febbraio.

La e-308, invece, arriverà nel 2023 e sarà la prima segmento C elettrica offerta da Peugeot, nonché la prima vettura completamente a batteria realizzata sulla (rinnovata) piattaforma EMP-2, senza considerare commerciali leggeri e multispazio. L'auto, disponibile sia con carrozzeria berlina che station wagon, avrà 156 cavalli (20 in più rispetto al motore montato su e-208 ed e-2008), e sarà alimentata da una batteria da 54 kilowattora di capacità, in grado di farle percorrere fino a 400 chilometri.

Ma prima di vedere la vettura ci sarà spazio per un misterioso debutto previsto entro la fine del 2022. Che si tratti del suv-coupé di cui si vocifera da alcuni mesi? La Casa per ora non conferma, ma neanche smentisce. Staremo a vedere.

Tag

Europa  · Peugeot  · Peugeot 308  · Peugeot Italia  · Stellantis  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

Secondo le indiscrezioni la Casa svelerà nei prossimi mesi una crossover di segmento C dal lunotto inclinato, anche ibrida plug-in. La piattaforma sarà in comune con l'ultima 308