Ultimo aggiornamento  27 gennaio 2023 10:07

Mercato, chi scende e chi sale nel 2021.

Edoardo Nastri ·

Il 2021 non è stata un’ottima annata per l’automobile per la quasi totalità dei mercati europei, Italia compresa. La crisi pandemica, prima, e quella dei chip, poi, hanno visto una timida crescita delle immatricolazioni generali (+5,8% rispetto al 2020 pari a 1.475.393 unità), mentre il confronto con il 2019, anno non colpito da particolari eventi di crisi mostra un pesante rosso del 23,5%.

Nonostante un andamento generale altalenante, ci sono alcuni brand che in Italia sono riusciti a crescere in maniera importante. Lo stesso vale anche per le alimentazioni elettrificate, il cui valore in termini di quota di mercato è in alcuni casi addirittura sestuplicato rispetto a tre anni fa. Ecco chi scende e chi sale.

Ottime performance dei marchi asiatici

I costruttori asiatici, giapponesi e coreani, sono stati quelli che meglio hanno resistito alla crisi dei chip. Le motivazioni? Strategie industriali azzeccate e una vicinanza geografica ai principali produttori di semiconduttori (la cui maggior parte è in Asia) che si è rivelata cruciale. Guardando al mercato italiano, Toyota ha registrato un terzo posto in classifica generale, con un aumento delle immatricolazioni del 19,2% rispetto al 2020 (84.850 unità), raggiungendo così una quota del 5,8%.

Ottimi risultati anche per i coreani di Hyundai-Kia. La crescita registrata da Hyundai si è attestata al 34,8% grazie a 45mila unità immatricolate, mentre la spinta di Kia è stata del 23,8% per 43.891 esemplari nuovi. Rimanendo in Asia, Lexus è stato il marchio premium che in Italia nel 2021 ha avuto la crescita maggiore, grazie a 4.699 unità per un aumento del 16,2%. Bene anche Suzuki (+17,5%, 39.317 esemplari) e Subaru (+14,5%, 2.404 nuove targhe).

Le prestazioni degli altri marchi, soprattutto europei, registrano crescite generali più timide, con eccezioni significative. Tra queste ci sono Dacia (+15,5%, 61.696 nuove auto), l’italiana DR Motors (8.362 esemplari, +140%), Smart (+50,3%, 6.878 unità), Tesla (+58,8%, 6.045) e Maserati (+21,2%, 1.646).

I brand in discesa

Nonostante il confronto con l’anno scorso, particolarmente difficile a causa della pandemia, alcuni marchi hanno perso immatricolazioni. Tra i casi più eclatanti c’è quello di Volkswagen, che ha registrato un rosso dell’1,6% per 126.092 per una conseguente perdita di quota di mercato, scesa dal 9,2 all’8,6%.

Prestazioni in rosso anche per Ford – 80.989 esemplari per un calo del 9,6% -, Renault (-13,22% a fronte di 74.544 unità immatricolate), Seat (-3,9% pari a 21.296 esemplari) e Honda (-4.5% per 6.402 nuove auto). Maglia nera per Alfa Romeo: il rosso è del 34,3% per appena 11.300 esemplari.

Le alimentazioni

Il 2021 ha spinto la rivoluzione nel campo delle motorizzazioni. Se le tradizionali benzina e diesel hanno visto un calo importante pari rispettivamente al 16,3% e al 27,7%, sono cresciute esponenzialmente quelle elettrificate per un aumento del 128,2% rispetto al 2020 e del 700% rispetto al 2019. Il merito? L'aumento dell'offerta di questi modelli e gli incentivi governativi all’acquisto di vetture a zero o basse emissioni che tuttavia, al momento, non sono stati rinnovati.

La crescita maggiore rispetto al 2020 è stata registrata dalle ibride plug-in (+152,7% pari a 69.312 unità), seguite da elettriche pure (+107,6%, 67.542), e ibride mild e full (+91,6%) che hanno superato le auto diesel e quasi raggiunto le benzina grazie a 427.924 nuove immatricolazioni.

La Volkswagen T-Cross è stata nel 2021 l’auto a benzina di maggior successo, grazie a 23.773 unità immacolate nei 12 mesi (seconda posizione per Citroen C3 e terza per Volkswagen T-Roc). Per il diesel è la Fiat 500X che siede sul gradino più alto del podio, con 18.710 esemplari seguita da Jeep Renegade (16.797) e Peugeot 3008 (16.797).

La Fiat Panda è la ibrida mild più venduta in Italia (82.606 unità), la Toyota Yaris (28.158) è la full hybrid di maggior successo, mentre la medaglia d’oro per le plug-in va alla Jeep Compass (8.743). Per il capitolo elettriche il grandino più alto del podio è occupato dalla Fiat 500 (10.753), seguita da Smart Fortwo (6.162), Renault Twingo (5.822), Dacia Spring (5.496) e Tesla Model 3 (5.047).

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Lo scorso mese in Italia sono state immatricolate 122.518 auto rispetto alle 144.532 di un anno prima. In calo il settore privati. Fiat Panda ancora una volta la top seller

· di Paolo Odinzov

Nel primo mese dell'anno immatricolate nel nostro Paese 107.814 unità, oltre 26 mila in meno rispetto a gennaio 2021. Forte calo delle vendite ai privati

· di Paolo Odinzov

Nella sfida commerciale tra Bmw, Volkswagen e Mercedes, il gruppo bavarese è stato l'unico a crescere nelle vendite, salendo dell'8,4% rispetto allo scorso anno

· di Paolo Odinzov

La Casa tedesca riconquista la leadership a livello mondiale, che Mercedes le aveva sfilato nel 2016, con oltre 2,2 milioni di veicoli venduti. In Italia, Audi al top

· di Edoardo Nastri

Lo scorso mese si sono registrate 32.941 targhe in meno. Ma nel complesso il 2021 si chiude con un saldo positivo: 1.475.393 unità, il 5,8% in più rispetto al 2020