Ultimo aggiornamento  03 dicembre 2022 13:39

Samsung e Hyundai, possibile intesa sui chip.

Redazione ·

Per superare la carenza dei chip servono anche alleanze tra le grandi imprese. Ne è convinto il presidente della Corea del Sud Moon Jae-in che ha lanciato l’idea di una cooperazione la più forte possibile fra Hyundai e Samsung - due delle più importanti società del Paese asiatico - per combattere la crisi. "Sarebbe bello - ha detto - se avessero legami commerciali più stretti nei settori dell'automobile e dei semiconduttori".

Il governo di Seoul non si limita a lanciare appelli, tuttavia, ma ha anche istituito un consiglio progettato per riunire i due colossi e i piccoli fornitori sia di hi tech che di componentistica, in sintonia con la sua intenzione di sostenere e ampliare l'industria coreana dei semiconduttori. 

Oggi Samsung fornisce chip di memoria a Hyundai su piccola scala, mentre quelli chiave come i microcontrollori e i processori che supportano l'infotainment a bordo dei veicoli e il sistema di assistenza alla guida sono realizzati principalmente da altre società, Nxp, Infineon e Renesas. "L'attuale dimensione del contratto è davvero marginale, poiché i chip di memoria sono utilizzati solo nei sistemi di navigazione per alcuni modelli di auto in piccole quantità", ha detto una fonte di Hyundai Mobis, un affiliato della casa automobilistica per la componentistica. 

Idea apprezzata

Mentre le due società non hanno commentato su qualsiasi futura cooperazione, gli investitori stavano già scommettendo alla grande sull’idea, tanto che le azioni dei produttori locali di chip automobilistici che potrebbero beneficiare della potenziale cooperazione si sono impennate nelle ore successive le dichiarazioni di Moon Jae-in. 
Per esempio il titolo di Telechips, un produttore con sede a Seoul che partecipa anche al consiglio guidato dal governo, è salito del 3,17 per cento fino a 17.900 won (14 euro), il suo livello più alto dall'8 luglio. 

Al di là del possibile accordo ventilato da Moon Jae-in, Samsung sta concentrando molti sforzi sullo sviluppo del settore dei semi conduttori per l’automotive tanto da aver annunciato a metà 2021 un investimento equivalente a circa 50 miliardi di euro per aumentare la produzione dei cosiddetti chip non-memory entro il 2030.

Tag

Chips  · Corea del Sud  · Hyundai  · Moon Jae-in  · Samsung  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Il costruttore ha svelato la vettura per la nuova era ibrida del WRC. Associa un 1.6 turbo a un'unità elettrica e competerà con Toyota GR Yaris e M-Sport Ford Puma

· di Paolo Odinzov

Il gruppo sudcoreano conta di raggiungere nel 2022 l'ambizioso traguardo, mancato quest'anno a causa della pandemia di Covid-19 e della carenza di semiconduttori

· di Edoardo Nastri

La società BorgWarner produrrà il motore a zero emissioni della utilitaria coreana che arriverà in un segmento particolarmente movimentato