Ultimo aggiornamento  28 gennaio 2023 05:14

Maserati, prime foto della MC20 cabrio.

Angelo Berchicci ·

Piuttosto che lottare contro gli occhi indiscreti dei paparazzi, Maserati ha avuto un'idea piuttosto singolare per i "muletti" delle sue vetture: ha dato un piglio quasi artistico ai tradizionali camuffamenti, trasformando l'avvio dei test in un evento di marketing.

Abbiamo visto questo approccio su Gran Turismo, Grecale e ora sulla versione cabrio della MC20, di cui la Casa ha diffuso le prime immagini con una livrea camouflage caratterizzata da un gioco di nuvole su sfondo azzurro, che rappresenta idealmente il cielo.

Si tratta, d'altronde, della declinazione open air della sportiva, che lascia lo storico stabilimento Maserati di Modena per iniziare i test su strada in vista del debutto, atteso per il 2022. Da quello che si può vedere il design della sportiva rimane sostanzialmente invariato, tranne che per la parte superiore. I camuffamenti non permettono al momento di capire se il tetto retrattile sarà di tipo classico in tela, oppure rigido.

Meccanica invariata

Nessuna novità si attende per il comparto tecnico. La Maserati MC20 cabrio condividerà con la versione coupé la scocca in fibra di carbonio e il propulsore "Nettuno", un V6 biturbo di 2,9 litri da 630 cavalli, montato in posizione posteriore-centrale.

Sulla MC20 coupé questa unità è in grado di spingere l'auto da 0 a 100 in 2,9 secondi e farle raggiugnere i 325 chilometri orari di velocità massima, prestazioni che nella versione a cielo aperto potrebbero essere leggermente inferiori, visto il peso di solito superiore per questo tipo di carrozzeria (al momento, tuttavia, non si conoscono ulteriori dettagli). 

Dal 2023, poi, la MC20 sarà declinata anche con un powertrain 100% elettrico, ma per ora non sappiamo se la versione a zero emissioni sarà riservata alla coupé o verrà offerta anche con il formato cabrio. 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

La Casa del Tridente parteciperà al Campionato di Formula E 2023 con la monoposto Gen3, descritta dal costruttore come "l'auto da gara più efficiente al mondo"